Terzo Centenario della nascita di Carlo Goldoni: al Gran Teatro La Fenice PRIMA MONDIALE dell’Opera SIGNOR GOLDONI

 
Il 21 settembre va in scena in prima mondiale al Gran Teatro La Fenice di Venezia, per il prosieguo della Stagione Lirica 2007, l’Opera "Signor Goldoni" di Luca Mosca, su libretto di Gianluigi Melega (entrambi nella foto).

Un’Opera nuova di zecca, scritta appositamente e messa in scena nel teatro veneziano in occasione del terzo centenario della nascita del grande commediografo Carlo Goldoni.

Carlo Goldoni nacque a Venezia nel 1707. Nei suoi 86 anni di vita scrisse più di 150 commedie e testi per il teatro, e i libretti di 96 opere, oltre 20 dei quali vennero messi in musica da Baldassare Galuppi.

Scrisse per l’Italia e per l’Europa: in dialetto veneziano, in italiano e in francese. Nel periodo più fertile del suo ingegno arrivò a impegnarsi per contratto con un teatro veneziano per consegnare in un anno 16 nuove commedie e due libretti d’opera.

Questo è l’artista, da tutti riconosciuto come il creatore della moderna commedia italiana (quella in cui gli attori sono tenuti a pronunciare esattamente le battute del testo) che il Teatro La Fenice ha scelto di commemorare in occasione del terzo centenario della nascita. Un luminoso autore, un grande veneziano.

In ricordo di quella operosità e della scintilla dirompente della creatività goldoniana, la Fenice ha deciso, quindi, di proporre una nuova produzione lirica internazionale di musica contemporanea, così come internazionale e proprio del suo tempo era stato il lavoro di Carlo Goldoni.

Da ciò è nata la suddetta commissione de il "Signor Goldoni" al librettista Gianluigi Melega e al compositore Luca Mosca, due autori che da tempo vivono Venezia come sede di vita e di lavoro.

La collaborazione tra Melega e Mosca è già stata ripetutamente sperimentata in diverse composizioni di musica da camera e nell’opera buffa in un atto Mr. Me, presentata a Venezia nel settembre 2004, nonché nella cantata "Down by the Delta" per coro e orchestra, eseguita dal Coro e dall’Orchestra della Fenice al Teatro Malibran nel giugno 2006.

In tutte queste occasioni Mosca ha messo in musica testi di Melega in lingua inglese.
Anche "Signor Goldoni", dramma giocoso in due atti, è in lingua inglese (con sopratitoli in italiano).

Gli autori preferiscono non esprimersi sui particolari della trama (nelle migliori tradizioni del classico teatro d’opera, fino alla sera della prima), ma hanno già indicato alcune caratteristiche del lavoro.

La scena è in un palazzo veneziano, al tempo d’oggi, durante un ballo in maschera. Tra gli esecutori figurano otto cantanti e il coro: due soprani, un mezzosoprano, un contralto, un tenore, due baritoni, un basso. Tra le maschere sono molti personaggi, veri e letterari, che nella vita e nel teatro hanno vissuto Venezia come palcoscenico affascinante e sorprendente del loro tempo, fino ad oggi.

Quando si chiede a Luca Mosca quale tipo di musica sarà quella del suo Signor Goldoni, il compositore risponde: «Dal punto di vista formale, il lavoro sarà improntato a una teatralità che tiene conto soprattutto dell’opera del Settecento e di quella del Novecento: del Settecento ci sono le forme chiuse, ma senza recitativi, del Novecento la concezione cinematografica del racconto musicale, come già sperimentata in Berg, Šostakovič, Stravinskij, Britten».

Per entrambi gli autori c’è l’ambizione di voler creare un’opera che si richiami, dopo un lunga pausa, all’epoca in cui Venezia era uno dei centri più importanti della cultura mondiale, anni in cui scrittori, musicisti, pittori, architetti e cultori di ogni forma d’arte trovavano nella città istituzioni e mecenati pronti a sostenere ogni più audace iniziativa, convinti che solo attraverso il rinnovamento e l’espansione della cultura si sarebbe garantito il futuro della città e del suo popolo.

Un avvvenimento musicale e culturale di portata internazionale che non può che dar maggiore lustro al magnifico Teatro veneziano e che sarà trasmesso in diretta da RAI RADIO 3.

SIGNOR GOLDONI
dramma giocoso in due atti
libretto di Gianluigi Melega
musica di Luca Mosca

Commissione della Fondazione Teatro La Fenice di Venezia
prima rappresentazione assoluta

maestro concertatore e direttore
Andrea Molino

regia
Davide Livermore
scene
Santi Centineo
costumi
Giusy Giustino
light designer
Fabio Barettin

PERSONAGGI E INTERPRETI

Despina Barbara Hannigan
L’anzolo Rafael Alda Caiello
Mirandolina Cristina Zavalloni
Desdemona Sara Mingardo
Arlecchino Michael Bennett
Baffo Chris Ziegler
Goldoni Roberto Abbondanza
Othello Michael Leibundgut

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
direttore del Coro Emanuela Di Pietro
 

 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...