Mese: giugno 2008

VOLTERRA, note di regia di Simone Migliorini: “LE TROIANE” di EURIPIDE-SARTRE

 
Volterra_small_D'Amburgo
Marion D’Amburgo, Ecuba ne "Le Troiane" di Euripide-Sartre al Festival di Volterra 2008

 
 "Quest’anno il Festival è un evidente omaggio all’universo femminile: Malaparte con “Anche le donne hanno perso la guerra” la "Didone", le "Sorelle di sangue"; anche per celebrare Puccini lo abbiamo fatto mettendo in evidenza la sua Cameriera; poi c’è Euridice (quando si parla di Orfeo è inevitabile, e non solo: ci sono anche le donne artista, come Irina Brook, la poetessa Caterina Trombetti, la ricercatrice Paola Ircani Manichini, la scrittrice Alma Daddario, la nostra referente organizzativa di sempre Maura Catalan, Isabel Russinova, Elisabetta Pozzi, poi Benedetta Betti e Rossella Cambi e la loro “Volterra Danza” gremita di donne, ragazze, bimbe, e anche Silvia Siravo, e la giornalista Emilia Constantini, anche la nostra grafica è una donna: Virna.

E’ stato casuale che mi sia capitato sottomano questo testo: “Le Troiane” nell’adattaemnto di Jean Paul Sartre…ancora donne con le nostre splendide Stefania Pugi, Francesca Signorini, Gianna Sabatini, Sabina Guillet, Eva Bartali, Annagrazia Benassai, e la straordinaria Marion D’Amburgo.

Donne, donne, donne! Come si fa a non amare le donne? I loro corpi sinuosi, le loro voci cristalline, la loro tenerezza, la loro mente imperscrutabile, il loro universo pieno di misteri….

Mai avevo letto il riadattamento di Sartre da Euripide, nemmeno sapevo che esistesse. Me lo sono bevuto in un fiato…bello. Straordinario, Sartre asciuga Euripide in modo mirabile, lasciandogli il fascino antico, pur modernizzandolo, in versi sciolti e creando una partitura che nel suo significante sembra abbisogni solo di un orchestra e un coro…poesia allo stato puro!

Sartre prende l’essenza, mantiene del tutto Euripide, personalizza ben poco ma quel poco che basta a rendere questa opera altro rispetto all’originale…ne amplifica l’effetto, gli dà sensibilità contemporanea.

Ritratti di donne: Ecuba, Andromaca, Cassandra, Elena…e perfino una dea: Atena.

I greci distrutta Troia con l’astuzia del Cavallo di Legno ideata da Ulisse, e uccisi tutti i troiani maschi, lasciano sul suolo della città le donne di Ilio destinate ad essere ripartite tra i vincitori…nell’attesa che salpino le navi greche, si dipanano le storie, le sensibilità di ogni singolo ritratto.

Da millenni le donne hanno una dignità, un’intelligenza, una sensibilità e un pragmatismo milioni di volte superiore a quello degli uomini. Le Troiane di Sartre sono "rock", esprimono un dolore e una energia contemporanea, come contemporanee sono le guerre e come contemporaneo ci è anche il mondo classico di migliaia di anni fa. Sartre lo evidenzia soprattutto nella struggente battuta finale che ha aggiunto all’opera di Euripide.

Tuttavia in Sartre manca qualcosa: un prologo, in Euripide questa funzione che riassume, per chi non lo ricorda, gli avvenimenti precedenti a quello rappresentato, era esplicata da Poseidone il Dio del Mare, che nel suo monologo iniziale faceva riferimento, appunto, all’Iliade.

Sartre asciuga quel monologo, forse fin troppo, e sembra dare per scontato che ognuno conosca l’antefatto. Così ho aggiunto un brano dall’Iliade, di Alessandro Baricco, che, invece, in modo anche quello molto bello e non così distante dall’operazione sartriana, riassume la suggestiva guerra durata dieci anni tra greci e troiani per l’amore pensate un po’…di una donna!

Un testo così alto, non può essere rappresentato, deve essere letto. Carmelo Bene diceva che la poesia deve essere letta, mai mandata a memoria: aveva ragione. Ecco allora l’idea di una lettura scenica.

Ma un testo, nella sua staticità, maestoso necessitava di un supporto musicale, di un’orchestra e un coro, ecco allora la disponibilità dei maestri Menicagli (orchestra Clara Shumann), Valeri (corale G.Puccini e corale Valdera) e Dainelli (compositore e musicista).

In primo luogo pensavo a delle musiche di repertorio di grandi compositori; poi, testata la disponibilità dei cori e dell’orchestra a imparare dei nuovi brani, ho chiesto a David Dainelli, con il quale siamo in perfetta simbiosi artistica da circa quindici anni, se gli andava di cimentarsi in questa nuova impresa.

Infine volevo che Ecuba, la protagonista di questo lavoro, fosse recitata da un’artista di grande sensibilità, un’artista con la A maiuscola, che avesse un rapporto con il teatro di parola simile al nostro. La scelta è caduta su Marion D’Amburgo, che ha accettato, direi con entusiasmo, ed è per me e per noi un grande onore avere la possibilità di lavorare con lei.

Ecco la genesi di questo spettacolo; alcuni brani sono da far venire i brividi per la loro bellezza, vorrei che vi risultasse uno spettacolo elegante, sobrio, all’insegna della poesia pura, per trascorrere una bella serata tra la scenografia del nostro teatro romano che simboleggerà quelle di Troia cadente e in fiamme…in fondo abbiamo già parlato della similitudine tra Volterra e Troia…

Ci avete fatto caso? Anche il termine "poesia" è femminile, come storia, colonna o anche luna, come sera, o anche stella e terra…sono sottili paragoni che hanno un fondamento nell’ancestralità del nostro sentire, che nascondono significati profondi: tutte le cose più belle e importanti sono un omaggio evidente alla donna …ma adesso andiamo a incominciare…

Cera una volta…"

                                                                                                                                                                                                                  Simone Migliorini

_________________________

SABATO 11 LUGLIO 2008
SABATO 11 luglio 2008venerdì 11 luglio
ore 17.00
LEGIMUS ET LOQUIMUR
Foyer teatro Persio Flacco – Via dei Sarti 27
ingresso gratuito la cittadinanza è invitata
Adriano Jurissevich
PANTALONE ARLECCHINO & GLI ALTRI
Conferenza spettacolo
Percorso spettacolare e narrativo, dove viene ritratto il complesso
e variopinto mondo della Commedia dell’Arte nel suo funzionale e
armonico intreccio di alto e basso, popolare e colto, spettacolarità
carnevalesca e drammaturgia colta.

PRIMA NAZIONALE ASSOLUTA ESCLUSIVA TOSCANA
ore 21.30 – ingresso € 10,00
Festival internazionale teatro romano Volterra
LE TROIANE di Euripide rielaborazione di Jean Paul Sartre
adattamento, ideazione, regia Simone Migliorini
con la partecipazione straordinaria di
MARION D’AMBURGO nel ruolo di ECUBA
e con: Simone Migliorini, Francesca
Signorini, Stefania Pugi, Gianna
Sabatini, Domenico Belcari,
Giulio Ricci, Eva Batoli, Annagrazia
Benassai, Sabina Guillet.
Musiche e cori originali scritti da
David Dainelli
Eseguite da Orchestra Clara Schumann
diretta dal maestro Mario
Menicagli
Corali riunite “Giacomo Puccini”
(Volterra) e “Valdera” (Peccioli)
dirette dal maestro Simone Valeri
domenica 6 luglio

Inserita il 30 – 06 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 
 
 

ROMA: a RENATA SCOTTO il “PREMIO OTTAVIO ZIINO” alla carriera

 
Si tiene a Roma dal 24 al 29 giugno 2008 il 7° Concorso Lirico Internazionale OTTAVIO ZIINO.

Le selezioni del Concorso si svolgono al Teatro dell’Opera di Roma, la finale avrà luogo all’Auditorium Parco della Musica il 29 giugno 2008 alle 18.
Ai primi tre classificati del concorso verranno assegnate scritture d’opera e borse di studio.

 
Sono stati già designati i vincitori dei prestigiosi Premi legati al Concorso:
Premio alla carriera al soprano Renata Scotto ed al Sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma Francesco Ernani.
Premio della Critica Musicale a Landa Ketoff di Repubblica e Alfredo Gasponi del Messaggero.

Scotto

Il Soprano Renata Scotto

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento annuale del Concorso, giunto alla 7° edizione. Il prestigioso Evento, bandito dall’Associazione Culturale “Il Villaggio della Musica” e che si svolge con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lazio, della Provincia di Roma, del Comune di Roma Assessorato alle Politiche Culturali e del Teatro dell’Opera di Roma, conta quest’anno oltre 120 partecipanti, provenienti da tutto il mondo: presente tutta l’Europa; dagli altri Continenti, partecipanti da Cina, Australia, Mongolia, Siria, Canada, Stati Uniti.

Il concorso lirico internazionale “Ottavio Ziino” nasce nel 2002 da un’idea del Maestro Wally Santarcangelo, dedicandolo al Maestro Ottavio Ziino, grande musicista, direttore d’orchestra e compositore siciliano, romano d’adozione. L’Associazione, che ha ideato e fondato questo prestigioso Concorso, vuole con esso ricordare ancora una volta l’opera e la figura del M°. Ziino, il cui impegno fu sempre caratterizzato da un’attenzione particolare in favore dei giovani musicisti e cantanti lirici.

Ed è per questo che il concorso lirico “Ziino” è stato ideato per dare la possibilità ai giovani cantanti di proporsi davanti a Sovrintendenti e Direttori Artistici dei più importanti teatri del mondo, in una capitale, Roma, sensibile alla cultura sia musicale che artistica.

La Commissione, presieduta da Claudio Desderi, è formata da esponenti di grande rilievo, quali: Filippo Anselmi (Agente Lirico “Wolf Artists International” di New York), Thomas Arndt (Assistente del Sovrintendente Teatro dell’Opera di Erfurt), Francesco Ernani (Sovrintendente Teatro dell’Opera di Roma), Paulo Abrão Esper (Direttore Generale Teatro Cia Ópera di San Paolo), Makvala Kasrashvili (Direttore dell’Opera del Teatro Bolshoi di Mosca), Roberto Mauro (Direttore Artistico Teatro dell’Opera Arizona e consulente artistico del Teatro dell’Opera di Michigan a Detroit), Jonathan Pell (Direttore Artistico Teatro dell’Opera Dallas), Jean-Louis Pichon (Direttore Artistico Teatro dell’Opera di Saint-Etienne).

Tra i premi assegnati ai concorrenti quello speciale del pubblico: ai presenti in sala sarà consegnata una scheda che consentirà loro di votare il cantante preferito, ovvero quello che riterranno essersi espresso al meglio nella serata finale.

Altro premio speciale sarà quello della critica, assegnato da una commissione di esperti, formata da direttori di riviste specializzate e critici musicali di rilievo internazionale.
Fra i premi assegnati anche un premio alla Presenza Scenica, che sarà consegnato dalla pronipote di Giuseppe Verdi, Gaia Maschi Barezzi Verdi.

I premi messi in palio per la presente edizione, quindi, sono:

1° premio classificato: Borsa di studio di Euro 5.000,00, concerti con pianoforte 2008/2009, Coppa "OTTAVIO ZIINO" e diploma d’onore;

2° premio classificato: Borsa di studio di Euro 3.000,00, concerti con pianoforte 2008/2009, Targa "OTTAVIO ZIINO" e diploma d’ onore;

3° premio classificato: Borsa di studio di Euro 1.500,00, concerti con pianoforte 2008/2009, Targa "OTTAVIO ZIINO" e diploma d’onore.

Premi Artistici: SCRITTURE D’OPERA offerte dai teatri:

-Teatro di Erfurt (Germania);

-Un concerto o la partecipazione in un’opera con la Cia Ópera São Paulo in Brasile nella stagione 2009;

– Un concerto o la partecipazione in un’opera presso il Teatro dell’Opera di Saint-Etienne (Francia) nella stagione 2008-2009.

Le scritture d’opera messe in palio saranno assegnate ai vincitori dei soli primi tre premi del concorso, senza tener conto dell’ordine di classifica. L’assegnazione di una o più scritture d’opera a ciascun vincitore, sarà disciplinata da ogni singolo teatro a proprio insindacabile giudizio, nell’ambito della programmazione decisa da ognuno di essi, senza che questi ultimi siano obbligati ad assegnare una scrittura d’opera per ogni vincitore del concorso, potendo liberamente scegliere di offrirla a tutti i vincitori o solamente ad alcuno di essi.

Premio Giacomo Puccini:
Premio e Targa “Giacomo Puccini” per la migliore interpretazione in finale di un’aria composta dal Maestro, offerti dalla nipote sig.ra Simonetta Puccini Presidente della Fondazione “Simonetta Puccini”.
Al vincitore sarà assegnata una borsa di studio di € 1.000,00.

Premio Ettore Bastianini:
Premio e Targa “Ettore Bastianini” offerti dal M° Franco Giovine per il “baritono” più promettente.
Al vincitore sarà assegnata una borsa di studio di € 1.000,00.

Premio della Critica:
Premio e Targa. La Commissione della Critica per l’assegnazione di tale premio sarà composta da Direttori e/o redattori di importanti riviste musicali internazionali, critici musicali e professionisti nel campo della cultura, della musica e dello spettacolo e si insedierà il giorno 29 giugno 2008 nella Prova Finale.
Al vincitore sarà assegnato una borsa di studio di € 500,00.

Premio straordinario : "Premio Presenza Scenica" offerto dall’Accademia
del Benessere di Salsomaggiore Terme; una giuria presieduta dalla Dott.ssa
Gaia Maschi Barezzi-Verdi (Pronipote di Giuseppe Verdi) e composta da registi,
da costumisti e dal Consigliere del Centro Termale Baistrocchi di
Salsomaggiore, assegnera’ al cantante finalista per la migliore presenza
scenica, nel Concerto dei Finalisti una targa e un concerto con soggiorno a Salsomaggiore Terme, in occasione del "Premio Giornalistico Accademia del Benessere" per Miss Italia 2008 il giorno 12 settembre 2008.

Premio del Pubblico:
Targa offerta dalla Associazione Culturale “Il Villaggio della Musica”.

Commissioni presenti alle varie edizioni

ANNO 2002 :
PRESIDENTE : BRUNO CAGLI
COMMISSARI: LEONARDO ORTA,GIUSEPPE TADDEI,MICHELE SUOZZO,AGOSTINO ZIINO,ELENA RIZZIERI,SERGIO MAGLI

ANNO 2003 :
PRESIDENTE : ANITA CERQUETTI
COMMISSARI : GIANNI DE ANGELIS,SERGIO MAGLI,MICHELE SUOZZO,ALBERTO PALOSCIA,AGOSTINO ZIINO,MARGARET BAKER

ANNO 2004 :
PRESIDENTE : AGOSTINO ZIINO
COMMISSARI : ALBERTO PAOLOSCIA,RENATE KUPFER,ANITA CERQUETTI,MARCO SPADA,VINCENZO DE VIVO,GIANDOMENICO VACCARI

ANNO 2005 :
PRESIDENTE : RENATA SCOTTO
COMMISSARI : RENATE KUPFER, MARCO SPADA,ANGELO NICASTRO,MARCELLO LIPPI,MAURO TROMBETTA,GIANDOMENICO VACCARI

ANNO 2006 :
PRESIDENTE : LUIS ALVA
COMMISSARI : FILIPPO ANSELMI, THOMAS ARNDT, SERGIO SEGALINI, GIANDOMENICO VACCARI, JOSE’ MARIA IRURZUN,LENORE ROSENBERG,VINCENZO DE VIVO,MARCO SPADA

ANNO 2007 :
PRESIDENTE : LUCIANA SERRA
COMMISSARI : FILIPPO ANSELMI,GREGORY HENKEL,HEIN MULDERS,MARCO SPADA,DIMITRI BERTMAN,HENRY HAKINA,VINCENZO DE VIVO,AGOSTINO ZIINO

Le motivazioni dei premi più prestigiosi di quest’anno:

"PREMIO ALLA CARRIERA" A RENATA SCOTTO:
"ALLA SIGNORA DELLA LIRICA DI RAFFINATA INTELLIGENZA E SENSIBILITA’ MUSICALE, GRANDE REGINA DEI PALCOSCENICI INTERNAZIONALI ED AMBASCIATRICE ITALIANA DELL’OPERA LIRICA NEL MONDO".

"PREMIO ALLA CARRIERA" A FRANCESCO ERNANI :
"PER L’IMPEGNO E LA DEDIZIONE OFFERTA AGLI ARTISTI E AL PUBBLICO DEI PIU’ PRESTIGIOSI ENTI LIRICI ITALIANI".

"PREMIO DELLA CRITICA MUSICALE" A ALFREDO GASPONI :
"AL CRITICO MUSICALE DEL MESSAGGERO ALFREDO GASPONI , VOCE LIBERA E APPASSIONATA SEMPRE ATTENTO AD APPROFONDIRE CON SENSIBILITA’ ED AMORE I GRANDI TEMI DELLA MUSICA"

"PREMIO DELLA CRITICA MUSICALE" A LANDA KETOFF :
"AL CRITICO MUSICALE DEL QUOTIDIANO "LA REPUBBLICA" LANDA KETOFF,AD UNA DONNA FORTE E CORAGGIOSA, APPASSIONATA E SENSIBILE, SEMPRE IN PRIMA LINEA A DIFENDERE ED AIUTARE TUTTA LA MUSICA".

Come sopra accennato, la proclamazione e le premiazioni dei vincitori in gara e delle personalità suddette avrà luogo il 29 giugno 2008 alle 18 nella Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica in Roma.

Inserita il 25 – 06 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 
 
 
 

VOLTERRA: parla SIMONE DOMENICO MIGLIORINI, Direttore Artistico del FESTIVALIS THEATRUM VOLATERRAE A.VI “il verso l’afflato, il canto”- il PROGRAMMA

 
MANIFESTO_VOLTERRA
Il Festival internazionale del Teatro di Volterra, "Festivalis Theatrum Volaterrae A.VI “Il verso, l’afflato, il canto”, Manifestazione unica nel suo genere, giunge al sesto anno consecutivo, ricchissima e quasi mozzafiato: 5 Prime nazionali assolute, 3 anteprime nazionali, 4 produzioni autonome, 10 esclusive per la Toscana, coinvolgimento di realtà artistiche locali importanti come la compagnia del Festival, le corali del territorio, la terza orchestra della Toscana, la compagnia di danza locale, una serata di premiazioni con nomi importanti, in giuria e tra i premiati, e un nome prestigioso come quello di Irina Brook, che per la prima volta porta, per sole 4 date, in Italia un suo spettacolo di prosa e per la sua primissima nazionale ha scelto il prestigioso Teatro di Volterra a testimoniare il prestigio che gli è riconosciuto e il fascino che esercita.

“Il Festival Internazionale del Teatro romano di Volterra” – commenta il Domenico Simone Migliorini, direttore artistico del Festival – è un’operazione folle, da folli, per l’esiguità del budget, per essere un Festival in controtendenza agli eventi estivi fotocopia, e per distinguersi in quanto primo e, per ora, l’unico Festival di questo tipo in Toscana con una sua linea ben precisa, un rigore artisticamente vincolante, con un taglio che rispetta una tematica pertinente al luogo dove lo si svolge: la Cultura Mediterranea, il Mito d’ispirazione classica e/o contemporanea, ovviamente con qualche, ma solo qualche, eccezione e/o integrazione.
Folle, dicevo, e da quest’anno anche “ECO”, un Eco Festival che sfrutta, la dove è possibile e consentito, quelle tecnologie e quei materiali illuminotecnici a basso consumo, ecologicamente compatibili, che ridisegneranno l’intera area archeologica secondo l’estro dell’artista
Jean Paul Carradori.
Sensibilizzare il pubblico, essere riusciti a dimostrare che si può, grazie alle nuove tecnologie, realizzare qualcosa di bello e artisticamente valido con un occhio al risparmio delle risorse energetiche ci inorgoglisce.
Un ringraziamento particolare vorrei rivolgerlo in differita, a nome mio e di tutti i miei compagni di avventura, al nostro Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che l’anno scorso ci ha fatto omaggio di una bella lettera, riconoscendo l’importanza della nostra ultradecennale attività in generale e di questo Festival in particolare.”

Migliorinismall1

Simone Domenico Migliorini in una scena teatrale a Volterra [1]

“Quest’anno, inoltre – prosegue il Migliorini – uno speciale ringraziamento va alla Commissione Nazionale per l’UNESCO, che ci ha fatto l’onore di concedere al Festival il Patrocinio di questo prestigioso Ente.
Sapendo come la suddetta Commissione, presieduta dal prof. Giovanni Puglisi, sia così attenta nel valutare i requisiti di eccellenza delle manifestazioni richiedenti e così parca nel concedere Patrocini, ci sentiamo oltremodo commossi per questo ulteriore atto di stima.
Ancora un “grazie” alla Soprintendenza per i beni Archeologici della Toscana che ci ha affiancato, quest’anno più che mai, con entusiasmo e grande disponibilità, e un altro grosso “grazie” alla nostra Amministrazione Comunale, che, come sempre, ci ha dato il suo supporto e la sua fondamentale collaborazione. Un ”grazie” alla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra e alla Cassa di Risparmio di Volterra s.p.a., senza le quali non si sarebbe nemmeno svolto il primo anno di questa manifestazione.
Un “grazie” all’Università di Firenze e Prato e all’Università polacca di italianistica di Stettino, che ci hanno affiancato belle e brave stagiste alle quali auguriamo che questo festival porti fortuna e consenta loro di realizzare i sogni più belli, lavorativi e di vita.

Il direttore artistico spiega inoltre: “Con il nostro operato vorremmo contribuire a valorizzare Volterra, evidenziare le conseguenze di un promuoversi confuso, ristretto, troppo dolce e modesto, che contrasta con la vera natura della città e dei suoi cittadini.
Volterra non è modesta. E’ fiera, arcigna, pietrosa, nobile, ricca, e, quello che può ancora farla competere con altre città è la produzione culturale, sia essa teatro, scultura, pittura, multimedialità, poesia, artigianato…
Volterra rimarrà città finché non si esauriranno le sue proposte culturali, le sue produzioni, le sue idee che però devono necessariamente avere un confronto e un rapporto con l’esterno.

Volterra: millenni di storia scavata, dipinta sui vasi a figure rosse o nere, scolpita nelle steli o nelle urne etrusche, centinaia , che raffigurano i miti greci, le storie dell’Odissea, dell’Iliade e i loro sequel teatrali.. sulla cime di questo colle da millenni si racconta di Ulisse, di Achille, di Edipo…
Sentire queste storie riecheggiare nuovamente tra le colonne del pur molto più giovane teatro romano fa sembrare che quelle pietre superstiti all’eternità ci sorridano grate e compiaciute.

Volterra, “novella Tebe” ebbe a dire Qualcuno: gli etruschi la raffiguravano scenario della saga Tebana (Vittorio Gassman nutriva un progetto nel cuore, che avrebbe dovuto coinvolgere Volterra e Siracusa: “LA TEBAIDE” con gli scenari “naturali di queste due antichissime città… chissà non poterlo, in futuro, esaudire…), famosa l’urna raffigurante l’episodio dei Sette a Tebe dove, la porta nelle mura della città greca è chiaramente rappresentata dalla nostra arcuta Porta Etrusca, detta, non a caso, “all’Arco” (i Greci non sapevano costruire archi): una porta ancora li, immobile, da millenni a segnare il maestoso e inquietante ingresso alla città …
…Storie, favole, miti, che riecheggiano da sempre su questo colle eterno, lo scorrere della vita su questo selciato pieno di racconti che sono rimbalzati dal Mar Tirreno all’Egeo al Caspio in andata e ritorno, insieme ai commerci e agli scambi culturali.
C’è un continuo paragonare la città etrusca per antonomasia alle antiche città greche; sarà perché ancor oggi vi si respira un’atmosfera umana, biologica, antica…un’Agorà permanente ancora molto partecipata o, un modus vivendi che a un individuo calato nella superficialità del vivere contemporaneo potrebbe apparire inutile e incomprensibile, ma che oggi, più che mai, sta alla base di una libertà, di una civiltà, di una cultura, di un sentire, di un modo di amare generoso e moderno.

Volterra salva dagli incendi achei, incredula ai cavalli di legno e d’alabastro, ha subito ben altre sconfitte dalla storia, la più grande e definitiva per ragioni squisitamente e modernamente economiche nel 1472 ad opera di regnanti cosi detti magnifici e illuminati, colti duci di corti marchigiane, celebrati nei libri di storia quali magnati d’arti e ingegni.

Volterra città a tutti gli effetti, Polis, irta da millenni tra le sue mura, sul suo colle solitario dal quale spazia la vista fino al mare…e dove, se si aguzzano gli occhi si può intravedere
Ulisse/ Odisseo sperduto alla ricerca di Itaca, o forse è solo Geppetto alla ricerca del figlio di legno… Volterra, da dove si odono cantare le Sirene del mondo moderno, contemporaneo, pieno di luci, automobili, gente indaffarata, elegantemente vestita, triste, periferica, suburbana, senza storie da ascoltare, da raccontare, senza panorami infiniti, senza identità…o forse sono solo i pifferi dello spettacolo di Mangiafoco…non importa tutte le storie sono belle.

Volterra, Capitale del bello, solo apparentemente antica, solo apparentemente solitaria, legata all’albero maestro della sua nave, solca un mare di colline prosciugate dalla storia, il mare della vita, del sapere; lo fa da secoli, da millenni, percorre il mondo senza una meta, disseminando una quantità stupefacente di cose, di idee, di uomini, troppi per essere considerata non moderna ed isolata, troppi perché il Mondo non gliene sia grato…

Storie Epiche millenarie di dei, eroi, che gli intellettuali hanno ancora una volta isolato e allontanato dal grande pubblico, dagli uomini, dalle donne, dai bambini, spacciandole per storie difficili, incomprensibili per tutti ma non dalle loro fervide e sapute menti.. facendo leva sulla stranezza dei nomi, forse difficili, buffi, premendo su quel sentire ormai mutato di quei pianti ridicoli, inutili, tragedie stolte, quella quantità di dei polimorfi, quel linguaggio improbabile di traduzioni autocompiaciute…

Recuperiamo le nostre storie: sono biologiche, a basso consumo energetico, avventurose, belle, comprensibili, ci fanno ridere, a volte commuovere, riflettere altre ancora.. riprendiamocele, sono storie che abbiamo nel sangue, nel dna, storie che piacciono agli adulti e ai bambini che ci fanno sognare, che ci danno questa dimensione di eternità e di bello
L’importante, come per tutte le storie, è stare al gioco, al gioco del teatro, lasciarsi incantare dalla sua magia, abbandonarsi alla sua seduzione, non può che essere un’esperienza esaltante.

Conclude Simone Domenico Migliorini: "Dei remi facciamo ali al folle volo, solo così riusciremo a non viver più come dei bruti."

Migliorinismall2

 Simone Domenico Migliorini in una scena teatrale a Volterra [2]

PROGRAMMA

martedi 1 luglio 2008

ore 18.30
terrazza teatro romano
Epulae Inaugurales
con degustazione vini e formaggi volterrani
a cura della FATTORIA LISCHETO
interverranno
Siro Ferrone (Docente Universitario, Scrittore drammaturgo, pubblicista, saggista, direttore di “Drammaturgie”)
Alessandro Togoli (Assessore alla Cultura Comune di Volterra)
Paolo Coccheri (ideatore Festival Internazionale dell’Attore di Firenze e Montalcino)
Alessandro Furiesi (Archivista Consigliere Pro Loco)
Simone Migliorini (direttore artistico festival Internazionale teatro romano Volterra)

ore 21.30
Compagnia Universitaria dei Cori di Laurea in Pro.Ge.A.S e Pro S.M.Ar.T
riMediAzione
ispirato a Anche le donne hanno perso la guerra di C. Malaparte
scritto e diretto da Daniele Bartolini
Direzione artistica: Prof.ssa Teresa Megale
Collaborazione registica: Chiara Saponari
Scenografie e costumi: Arianna Terzoni
Con: Monia Baldini, Daniele Bartolini, Filippo Bigagli, Michele Causero, Lorenzo De Laugier, Claudia Giglio, Letizia Grazzini, Raffaella Lodovici, Stefano Turolla, Silvio Zanoncelli
Organizzazione: Francesca Dell’Omodarme, Irene Gulminelli, Silvia Nistri
Ufficio stampa: Irene Gulminelli, Silvia Nistri
Fotografo di scena Giacomo Vinci

______________________

Mercoled’ 2 luglio
ore 21.30
omaggio per il 150 anniversario della nascita di Giacomo Puccini
Compagnia Teatri d’Imbarco
LA CAMERIERA DI PUCCINI
con Beatrice Visibelli e Giovanni Esposito
soprano Chiara Panacci , pianista Rodolfo Alessandrini
aiuto regia, Vladimiro D’Agostino luci, Fabio De pasquale organizzazione Cristian Palmi
testo e regia Nicola Zavagli.

______________________

giovedì 3 luglio

ANTEPRIMA NAZIONALE, ESCLUSIVA per la TOSCANA
ore 21.30

ENTE TEATRO CRONACA – Lab.TEATRO DEI TERRITORI
IONE
da Euripide
con
ERNESTO LAMA – SEBASTIANO TRINGALI
CINZIA MACCAGNANO – STEFANO ANNONI
e GIANNA BEDUSCHI – GIOIA GUIDA – PAOLA BELLISARI
ANNALISA D’ANTONIO – MONICA CAMILLONI
regia e movimenti AURELIO GATTI
aiuto CINZIA MACCAGNANO
scene e costumi Capannone Moliere

______________________

venerdì 4 luglio

ANTEPRIMA NAZIONALE, ESCLUSIVA per la TOSCANA
ore 21.30

LA BOTTEGA DEL PANE
CONTRO CATILINA
ATTENTAO ALLO STATO
Da Marco Tullio Cicerone “Orationes in Catilinam”
e da Aristofane, Euripide, Catullo,Sallustio, Ibsen
drammaturgia e regia CINZIA MACCAGNANO
con
Dario Garofalo, Cristina Putignano, Marco Sabatino
Alessio Bonaffini, Cinzia Maccagnano, Luna Marongiu
Costumi Giovanna Lombardo
Assistente alla regia Oriana Cardaci

_________________________

Sabato 5 luglio
ore 17.30
LEGIMUS ET LOQUIMUR
Terrazza teatro romano
Il quotidiano e i luoghi di Volterra nel catasto del 1429/1430
Paola Ircani Menichini
A seguire visita guidata della città secondo il catasto dell’epoca

ore 21.30, ANTEPRIMA NAZIONALE, ESCLUSIVA per la TOSCANA

Volterra Danza
Danza sotto le Stelle

Coreografie:
Alberto Canestro (compagnia Lyric Dance Company)
Massimiliano Terranova (compagnia Contro Verso Danza)
Sara Siliani (compagnia Trio-là)
Beatrice Paoleschi Rossella Cambi Valerio Bellini

Con la partecipazione degli allievi della scuola VOLTERRA DANZA

Assegnazione del Premio Volterra Danza 1^ Edizione

______________________

domenica 6 luglio

PRIMA NAZIONALE ASSOLUTA, ESCLUSIVA per la TOSCANA
ore 21.30

ARS MILLENNIA TEATRO
DIDONE
da “La tragedia di Didone” di C. Marlowe
con ISABEL RUSSINOVA
Regia Manuel Giliberti

_______________________

Lunedì 7 luglio
ore 21.30
Teatrino dei Fondi: Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica “La Loggia”
Primo studio per “Pittura su legno” di Ingmar Bergman
Drammaturgia di Andrea Mancini e Luciano Marrucci
con Roberta Geri
regia Andrea Mancini

_______________________

martedì 8 luglio 2008
ore 17.30
LEGIMUS ET LOQUIMUR
Terrazza teatro romano
GIORGIO ALBERTAZZI, L’ULTIMO IMPERATORE
presentazione libro di Fabio Poggiali, edito da Bulzoni.
Interverranno Fabio Poggiali e Simone Migliorini.

ore 21.30

PRIMA NAZIONALE ASSOLUTA ESCLUSIVA TOSCANA

MDA PRODUZIONI – MISTRAS
SORELLE DI SANGUE da CRISOTMI di Ritsos e ELEKTRA di Hofmannsthal
con
ELISABETTA POZZI
e PAOLA BELLISARI, CARLOTTA BRUNI
MONICA CAMILLONI, ROSA MERLINO
coreografia AURELIO GATTI
musica originale DANIELE D’ANGELO
drammaturgia GATTI/POZZI/D’ANGELO

____________________

mercoledi’ 9 luglio

PRIMA NAZIONALE ASSOLUTA, ESCLUSIVA TOSCANA
ore 21.30

Festival internazionale teatro romano Volterra
Associazione Emmepi- Compagnia dei Giovani
ORFEO, il mito.
di e con FABIO POGGIALI
L’amore di "Orfeo ed Euridice", cantato da poeti di ogni tempo:
Virgilio, Ovidio, Poliziano, Rilke, Cocteau, Pavese, Campana

_________________

giovedì 10 luglio
ore 17.30
LEGIMUS ET LOQUIMUR
Chiesa S.Dalmazio via S.Lino
NOSTOS –
Odisseo se ne va con l’aurora
di e con Fabrizio Parrini alla chitarra: Carmen Martinez

ore 21.30

ESCLUSIVA per la TOSCANA
Festival internazionale teatro romano Volterra

Nuova compagnia di prosa
OPERETTA, OPERETTA!
Musiche di E.Kalman, F.Lehar,J.Strauss, V.Ranzato, J.Offenbach
Matteo Pavlica Tenore
Monica Cesar Soprano
Nicolò Sbuelz Pianoforte

_______________________

venerdì 11 luglio
LEGIMUS ET LOQUIMUR
Foyer teatro Persio Flacco
Via dei Sarti 27
ore 17.00
Adriano Jurisevich
PANTALONE ARLECCHINO & GLI ALTRI
Conferenza spettacolo
Percorso spettacolare e narrativo, dove viene ritratto il complesso e variopinto mondo della Commedia dell’Arte
nel suo funzionale e armonico intreccio di alto e basso, popolare e colto, spettacolarità carnevalesca e drammaturgia colta. E’ un viaggio teatrale nella storia stessa del Teatro e del Costume, per capire il legame tra Società e sue rappresentazioni

ore 21.30

PRIMA NAZIONALE ASSOLUTA, ESCLUSIVA TOSCANA
Festival internazionale teatro romano Volterra
LE TROIANE
di Euripide
rielaborazione di JEAN PAUL SARTRE
adattamento, ideazione, regia SIMONE MIGLIORINI
con Simone Migliorini, Francesca Signorini, Stefania Pugi, Gianna Sabatini, Domenico Belcari, Giulio Ricci, Eva Batoli, Annagrazia Benassai, Sabina Guillet.
Musiche e cori originali scritte da DAVID DAINELLI, eseguite dall’ORCHESTRA CLARA SCHUMANN diretta dal maestro MARIO MENICAGLI
CORALI riunite “Giacomo Puccini” (Volterra) e “Valdera” (Peccioli)
dirette dal maestro SIMONE VALERI

__________________________

sabato 12 luglio

ore 17.30
LEGIMUS ET LOQUIMUR
Terrazza teatro romano
Caterina Trombetti
Io e Mario Luzi
amicizia e poesia
nel seme della parola

ore 22.30
Pro Volterra
Festival internazionale teatro romano Volterra
Comune di Volterra
NOTTI BIANCHE
RIME ETRUSCHE da E.Battistini, R.Fucini, P.Aretino, L.Stecchetti
di e con Brunello Porretti
Visita Guidata notturna al Teatro Romano guida: Lisa Raspi
ILLUMINAZIONE di Jean Paul Carradori

_________________________

domenica 13 luglio ESCLUSIVA per la TOSCANA
ore 21.30
ARGOT PRODUZIONI – TEATRO DEI DUE MARI
GIULIO CESARE
O DELLA CONGIURA
da William Shakespeare
adattamento drammaturgico di Maurizio Panici
Regia MAURIZIO PANICI
Scene FRANCESCO GHISU
Aiuto Regia MARZIA G. LEA PACELLA
con EDOARDO SIRAVO (Antonio), LEANDRO AMATO (Bruto)
RENATO CAMPESE (Cesare), MAURIZIO PANICI (Ottaviano), SILVIA SIRAVO (Porzia)

________________________

lunedì 28 Luglio
ore 17.30
LEGIMUS ET LOQUIMUR
sala maggior consiglio Palazzo dei Priori
cerimonia di consegna dei Premi "OMBRA della SERA".
Interverranno tra gli altri
Ernesto G. Laura (ex presidente Biennale del Cinema di Venezia)
Nuccio Messina ( Presidente International Theater Institut dell’Unesco, e direttore rivista In Scena)
Alma Daddario (scrittrice e giornalista)
Rainero Sghembi (giornalista)

_______________________

martedì 29 luglio PRIMA NAZIONALE ASSOLUTA, ESCLUSIVA TOSCANA
teatro Persio Flacco
ore 21.30
Festival Internazionale Teatro Romano Volterra
Fondazione Aida Teatro Stabile di Innovazione Estate Teatrale Veronese
in collaborazione con MCCC – Maison de la Culture de Nevres et de la Nièvre
EN ATTENDANT LE SONGE…
aspettando il sogno
di IRINA BROOK
tratto da “Sogno di una notte di mezzaestate”
di William Shakespeare
uno spettacolo esilarante e poetico che incanta grandi e bambini
un incantevole gioco teatrale di musica, immagini e suoni,
che rimanda ad un teatro rituale e magico,
costruito sulla base delle immagini e dei movimenti,
sui giochi e sulla fantasia; una commedia spontanea e tenera. Regia di Irina BROOK.

______________________

Una Manifestazione da non perdere, anche quest’anno, quindi, e da seguire da vicino, con grande attenzione, nel gusto ritrovato del verso, pressoché orfano, ormai, di “fini dicitori” e di quell’interesse che merita ancora e sempre nel panorama teatrale, che, non si dimentichi mai, è. in maniera nettamente primaria, letterario.

Deliziamoci, allora, alla ricerca ed al recupero delle nostre radici teatrali, trovandole sorprendentemente ancora vive e vitali.

________________________

[ IL COSTO DEI BIGLIETTI E’ 10 EURO PER OGNI SPETTACOLO

I LEGIMUS ET LOQUIMUR, L’EPULAE INAUGURALES, NOTTE BIANCA E LA
CONSEGNA DEI PREMI INGRESSO GRATUITO

SPETTACOLO IRINA BROOK DEL 29 SI TERRA’ AL PERSIO FLACCO INGRESSO 12 EURO

ABBONAMENTO A TUTTI GLI SPETTACOLI 60 EURO

ABBONAMENTO A TUTTI, MENO IRINA BROOK, 50 EURO

SOCI TOURING CLUB SCONTO 10%

CONVENZIONI CON STRUTTURE RICETTIVE

http://www.teatroromanovolterra.it ]
 

Una Manifestazione da non perdere, anche quest’anno, quindi, e da seguire da vicino, con grande attenzione, nel gusto ritrovato del verso, pressoché orfano, ormai, di “fini dicitori” e di quell’interesse che merita ancora e sempre nel panorama teatrale, che, non si dimentichi mai, è. in maniera nettamente primaria, letterario.

Deliziamoci, allora, alla ricerca ed al recupero delle nostre radici teatrali, trovandole sorprendentemente ancora vive e vitali.

Inserita il 23 – 06 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 
 
 
 

ROMA: Si rinnova la tradizione degli Spettacoli estivi alle TERME DI CARACALLA

 
CaracallaButterfly
 

Dal 10 luglio al 14 agosto si svolge, come nel solco della tradizione, la stagione estiva alle Terme di Caracalla.

Quattro titoli molto amati dal pubblico, quest’anno, trovano degna espressione fra gli inestimabili resti del grandioso Monumento romano: “Aida” di G. Verdi, “Lucia di Lammermoor” di G. Donizetti, “Madama Butterfly” di G. Puccini ed il balletto “Giselle” di A-C. Adam.

Protagoniste quattro memorabili figure femminili, le cui passioni d’amore contrastate sfociano nella tragedia e nella morte.

Questo, dunque, il cartellone della stagione estiva 2008, offerto alla platea internazionale che tradizionalmente affolla il suggestivo sito archeologico per le rappresentazioni allestite, fin dal 1937, dal Teatro dell’Opera di Roma.

Con l’Orchestra, il Coro del Teatro, preparato da Andrea Giorgi ed il Corpo di Ballo diretto da Carla Fracci, andranno in scena, quindi, tre opere e un balletto, tutte dal grande impatto emotivo e artistico.

Queste le date delle rappresentazioni:

Aida dal 10 al 24 luglio;
Lucia di Lammermoor dal 18 al 31 luglio;
Madama Butterfly dal 27 luglio al 3 agosto;
Giselle dal 9 al 14 agosto;

Lo spettacolo inaugurale di Aida, il 10 luglio, ha un suggello di alto valore civile e culturale: è dedicato al ricordo di Altiero Spinelli, uno dei più insigni padri del processo di unità europea, di cui ricorre il centenario della nascita.

L’iniziativa è stata presa dal sovrintendente del Teatro, Francesco Ernani, d’intesa con il rettore dell’università La Sapienza, Renato Guarini, nella veste di presidente del Comitato Nazionale per le Celebrazioni dell’autore del “Manifesto di Ventotene”, che agisce con l’alto patronato del Presidente della Repubblica.
Solo tre giorni dopo, a Parigi, si svolgerà il vertice dei capi di Stato e di governo che istituirà l’Unione per il Mediterraneo.

Giovedì 10 luglio, tocca, quindi, all’opera in quattro atti di Giuseppe Verdi sollevare il simbolico sipario.

Il dramma della schiava etiope, che ha subito fatto di Aida uno dei titoli più visti al mondo, debuttò al Cairo alla vigilia del Natale 1871, nell’atmosfera seguita all’apertura del Canale di Suez e arrivò in Italia un mese e mezzo più tardi, alla Scala. Lacerata tra la fedeltà al padre e il trasporto verso il suo nemico, il condottiero egizio Radamès, l’eroina si fa murare viva con lui, per legarsi nell’eternità.

Il libretto si deve ad Antonio Ghislanzoni. Sul podio Antonio Pirolli. Maurizio Di Mattia cura la regia, Andrea Miglio le scene, Anna Biagiotti i costumi e Amedeo Amodio la coreografia.

Nel ruolo del titolo si alternernano Maria Carola e Olga Romanko; la rivale Amneris viene interpretata da Laura Brioli e Renata Lamanda, Radam&egr avrà la voce di Franco Farina, Piero Giuliacci, Francesco Anile.

Appuntamento per la “prima” con la celeberrima Marcia trionfale il 10 luglio. Cinque le repliche: domenica 13, martedì 15, sabato 19, martedì 22 e giovedì 24.

______________________

Lucia ama Edgardo e ne è riamata, ma con l’inganno il fratello Lord Enrico Ashton la convince a sposare il potente Lord Arturo. Quando scopre la violenza psicologica patita, Lucia impazzisce, uccide il marito, si lascia andare lei stessa alla morte.

Il melodramma romantico trova in Lucia di Lammermoor una delle più felici espressioni di Gaetano Donizetti: tre atti, su libretto di Salvatore Cammarano, ispirati dalle trame di Walter Scott, trasportate a fine ‘500.
I primi ad ascoltarla furono i napoletani, al San Carlo, il 26 settembre 1835. Dirige Antonello Allemandi.

Regia di questo nuovo allestimento firmata da Pier Francesco Maestrini, scene e costumi sono di Carlo Savi.

Il soprano francese Annick Massis impersona la languida protagonista. Roberto Frontali e Giovanni Meoni si avvicendano nella parte di Lord Enrico, il tenore rumeno Marius Brenciu e Maurizio Graziani in quella di Sir Edgardo. Enzo Peroni interpreta Lord Arturo Buklaw.

Prima rappresentazione venerdì 18 luglio. Quattro le repliche: domenica 20, mercoledì 23, martedì 29 e giovedì 31 luglio.

______________________

Di Giacomo Puccini il terzo titolo rappresentato quest’anno, per il 150° anniversario della sua nascita; dopo Tosca e La fanciulla del West l’Opera di Roma porta in scena "Madama Butterfly".

La parabola triste della geisha giapponese – Luigi Illica e Giuseppe Giacosa attinsero al drammaturgo americano David Belasco – esordì (male) alla Scala il 17 febbraio 1904.

Cio-cio-san, alias Madama Butterfly, si lega ad un ufficiale della Marina Usa, Pinkerton, e gli dà un erede. Ma rifiuta di riconoscere la realtà quando l’uomo sparisce dalla sua vita. Rigetta altre offerte di matrimonio e infine, allorché scopre che si è risposato in America e reclama il figlio, accetta di cederglielo e si uccide.

Amarilli Nizza e Susanna Branchini sono chiamate a rendere la storia di questa donna adolescente, sedotta, abbandonata e suicida. La cameriera Suzuki è Renata Lamanda, Walter Borin e Francesco Grollo interpretano Pinkerton, sul podio Gianluca Martinenghi, maestro del Coro Gea Garatti Ansini. Renzo Giacchieri cura realizzazioni visive, scene, costumi, Hal Yamanouchi i movimenti coreografici.

Domenica 27 luglio “prima”. Quattro repliche: mercoledì 30 luglio, venerdì 1 agosto, sabato 2 e domenica 3.

_____________________

Il Corpo di Ballo diretto da Carla Fracci conquista i riflettori nell’ultimo titolo in programma, con lo struggente racconto di un’altra follia d’amore: in Giselle le note di Adolphe-Charles Adam seguono la fanciulla invaghitasi del nobile Albrecht (lo crede un contadino) cui è promessa la ricca Bathilde. Quando si sposano, Giselle impazzisce e muore. Ma la sua passione riuscirà a salvare l’amato da un sortilegio.

Caracallagiselle

Il balletto in due atti più famoso del repertorio classico (Théophile Gautier e Vernoy de Saint-Georges sono gli autori del soggetto) vide la luce il 28 giugno 1849.

L’Opera di Roma l’ha rappresentato l’ultima volta nel febbraio 2007. La signora Fracci, che tante volte l’ha interpretato fino a identificare quasi la sua arte con quel ruolo, firma la coreografia con la collaborazione di Gillian Wittingham ispirandosi alle storiche versioni di Jean Coralli, Jules Perrot, Marius Petipa, Anton Dolin. Dirige Alessandro D’Agostini. Le scene (adattate per Caracalla da Dario Gessati) e i costumi sono di Anna Anni, il cui estro ha attraversato mezzo secolo di teatro.

Cinque le coppie degli interpreti principali: ballerini ospiti di rango internazionale e le due étoile del Teatro: Ashley Bouder e Jared Angle, Laura Comi e Mario Marozzi, Mara Galeazzi e Giuseppe Picone, Oksana Kucheruk e Robert Tewsley, Larisa Lezhnina e Igo Yebra. Regista Beppe Menegatti.

“Prima” sabato 9 agosto. Quattro repliche: domenica 10, martedì 12, mercoledì 13 e giovedì 14.

___________________

Appuntamenti da non perdere, quindi, anche quest’estate nella Capitale, per appassionati e turisti. Un evento, quello della Stagione Lirica alle Terme di Caracalla, che piacevolmente si rinnova ed anima d’Arte e Cultura le estati romane.

_____________________________

Le recite sono ventuno, in totale; costo del biglietto da € 25.00 a € 110.00.

(Foto di Corrado Maria Falsini)

Inserita il 16 – 06 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 
 
 
 

NINO MUSTICA: “CONCEPT”, dal colore alla forma. Le opere dell’artista siciliano in mostra a Milano dal 12 giugno

 
Mustica1
 

S

TEFANO CIVATI

art consulting

In questa personale, Mustica presenta una serie di opere che raccontano un

percorso evolutivo che nasce dalla pittura, arriva alle forme tridimensionali e

fino

all’architettura. Diversi passaggi concettuali accomunati da un linguaggio unico e

diversi

fi cato allo stesso tempo. CONCEPT è il risultato di 14 anni di ricerca e

di innovazione sui concetti della pittura che, tra le mille derivazioni, contamina le

architetture contemporanee e ne diviene anima e metafora ispirante insieme.

A prima vista sembra la conseguenza più importante e necessaria.

Mustica è stato il primo artista ad intuire il legame tra il colore e l’innovazione

possibile delle forme; a questo ha lavorato incessantemente supportato dalla

tecnologia di grandi aziende tra le quali Canon che, con le stampanti grande formato

a 12 colori e strumenti avanzatissimi, consente lo sviluppo del pensiero e delle arti

visive come già nel 500 faceva la famiglia dei Medici di Firenze.

La contaminazione nel lavoro di Mustica è un concetto presente a tutti i livelli:

pittura e architettura, da sempre legate, possono dare origine a nuove forme abitative.

Colore e pensiero possono far nascere nuove idee come la roto-traslazione che

Mustica ottiene nei suoi grattacieli derivati dalla pittura. Arte e tecnologia possono

originare progetti di sviluppo che pervadono i contesti evoluti e danno origine a

forme di collaborazione trasversali e visionarie.

Mustica è e resta un pittore, che riprende il cammino di Giotto verso un’arte

pervasiva e totale e lo evolve verso il cielo degli skyline del futuro, cambiando volto

alla città ogni volta che la città si volta…

——————————————-

Nino Mustica nasce ad Adrano (Catania) il 26 agosto 1949. Ha insegnato all’Istituto d’Arte di Catania, all’Accademia d’Arte di Brera, Milano, all’Università di Belle Arti di Budapest e al Politecnico di Milano.
Vive e lavora a Milano.

Mostre personali  

1979
Palazzo Comunale, Pavia, Italy

1980
Galleria Le Arti, Catania, Italy

1981
9th Street Gallery, New York, USA

1984
Kunst Galerie Caecillien Allee, Düsseldorf, Germany

1986
Dresdner Bank, Düsseldorf, Germany
Galleria d’Arte Moderna Comunale, Valverde (CT), Italy
Galleria Lu Austoni, Milano, Italy
Galleria Il Sale, Catania, Italy

1987
Galleria Jaccarino, Padova, Italy

1989
Galleria Studio 15, Milano, Italy

1990
Galleria Hete A.M. Hünermann, Düsseldorf, Germany
National Museum of Archaeology, La Valletta, Malta
Galleria Art Club, Catania, Italy

1991
Galleria Jaccarino, Padova, Italy

1992
Museum of Fine Arts, La Valletta, Malta
Galleria Osti 4, Milano, Italy
Krimsky Vau Museum, Moscow, Russia

1993
Galleria San Luca, Bologna, Italy
Linea Arte Contemporanea, Firenze, Italy
Galleria Priuli agli Scalzi, Venezia, Italy
Castello di Sartirana, Pavia, Italy
Galleria Thema, Buenos Aires, Argentina
Art Gallery Zaalberg, Delft, Holland

1994
Galleria La Seggiola, Salerno, Italy
Museo de Arte Moderno, Buenos Aires, Argentina
Chiesa del Carmine, Taormina (ME), Italy
Consolato Argentino, Milano, Italy

1995
Palazzo Ducale, Sabbioneta (MN), Italy
Modern Art Museum MGC Prostor, Zagabria, HR
Contemporary Art Pavillion Juraj Sporer, Opatija, Croatia
Studio Carlo Grossetti, Milano, Italy

1996
Gallery Simone, Bratislava
Museo Jose’ Luís Cuevas, Mexico City, Mexico

1997
Museo Casabianca, Malo (VI), Italy
Galerie Schrade, Schloß Mochental bei Ehingen/Donau, Germany

1998
Muzej Grada, Rijeka, HR
Umjetnicka Galerija, Dubrovnik, HR
Museo d’Arte Contemporanea, Troghir, HR

1999
Museo Civico d’Arte Contemporanea, Gibellina, Italy
Galleria W.A.M., Budapest, Hungary

2000
Art Miami 2000 – Omaggio a Nino Mustica, USA
Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia, Italy
"Concezioni pittorico spaziali", Expo Hannover Zumtobel Gallery, Berlino, Germany

2001
Mairie du VO Arrondissement, Parigi, France
Gary Nader Fine Arts, Miami, Florida, USA
Fine Art University, Budapest, Hungary
New Art Gallery, Galleria Dante Vecchiato, Padova, Italy

2002
Museum der Stadt Waiblingen, Germany
Kortàrs Muvészeti Gyujtemény MEO Budapest, Hungary
Galleria Comunale Novisad, Belgrade

2003
Galerie Leda Fletcher, Ginevra, Switzerland
Photo Show 2003 "Omaggio a Nino Mustica"

2004
Galleria Artecontemporanea, Catania
Galleria Memoli, Busto Arsizio

Installazioni [Installations]

1977
Murales, Copenhagen, Denmark

1982
Installazioni Pittoriche, Parco delle Terme, Acireale, Italy

1984
Video-scenografia"Cwmni Dawns" Jumper Dance Company, Cardiff, UK
Affreschi Urbani, Misterbianco (CT), Italy

1986
Pitture murali, Dresdner Bank, Düsseldorf, Germany

1987
Installazione pittorica, Hypo-Bank, Francoforte, Germany

1988
Pitture scenografiche, Museo d’Arte Moderna Gulbenkian, Lisbona, Portugal (travelling exhibition to Oporto, Il Cairo and Cannes)

1989
Installazioni Taif Gallery, World Trade Center, Milanofiorí, Italy

1994
Azione Pittorica nel progetto "Fiume di tela", Casalmaggiore (CR), Italy

1997
Installazioni di forme pittoriche tridimensionali sul mare, Linosa (AG), Italy

1998
C.so Garibaldi, Catania, Italy

1999
Scenografie per il Cineteatro Alba Blobhouse, Bergamo, Italy
Forma pittorica tridimensionale, Museo Civico, Gibellina, Italy

2001
Forma pittorica tridimensionale, Hotel Principe di Savoia, Milano, Italy
"PataFluens", Casalmaggiore (CR), Italy
"Tré ponti tré popoli", Novisad, Serbia

Il maestro Mustica è un artista di ricerca e i suoi percorsi vengono da lontano, da quando, negli anni ’70, i suoi lavori erano legati all’Astratto Informale e alla coniugazione tra gesto e colore. Il suo eclettismo e la sua curiosità, oltre che una profonda capacità artistica esplorativa, lo hanno portato a sperimentare tecniche e poetiche diverse, dal Gestuale all’Espressionismo Astratto fino al Concettuale Astratto, attraverso l’utilizzo di olio, acrilico, tecnologie informatiche e foto digitale.
La sperimentazione, iniziata nel 1995, nasce dai colori della natura che, riproposti in chiave artistica non figurativa, si trasformano in forma e profondità, tornando al loro stato primordiale. Per raggiungere l’obiettivo di ridare una dimensione ai suoi sogni, l’artista ricorre alla tecnologia Epson, suo sponsor ufficiale, che ha affiancato Mustica nell’esecuzione delle sue "Forme Pittoriche Tridimensionali".

——————————————-

Francesco Cascino

presenta

NINO MUSTICA

CONCEPT

Opening

Giovedì 12 Giugno h 18,30

dal 13 – 29 Giungno 2008

Via Mercato 3 20121 Milano Italia

STEFANO CIVATI via Mercato 3 20121 Milano T +39 02 39661129 http://www.civatiarte.it info@civatiarte.it

A cura di Natalia Di Bartolo

http://www.republik.org/?p=76 

http://www.siciliainformazioni.com/giornale/cultura/20620/pittore-catanese-nino-mustica-mostra-milano.htm 

 

 

REALMONTE: al teatro COSTABIANCA, GRAN CONCERTO FINALE della Rassegna “VIAGGIO NELLA MUSICA”

 
Viaggiomusica

Avrà luogo a Realmonte (AG) il 7 giugno p.v. , nella splendida cornice dell’anfiteatro Costa Bianca, alle ore 20.00, il grande concerto finale della Rassegna Concertistica “VIAGGIO NELLA MUSICA”, iniziativa promossa dal coordinamento provinciale dei docenti di strumento musicale della provincia di Agrigento, con patrocinio dell’Ass. Prov. alla Cultura e dell’ Ufficio  Scolastico Provinciale della detta provincia.  

Così commenta il coordinatore provinciale dei docenti di strumento musicale della provincia di Agrigento, M°. Stefano Tesé:

"Nel corso degli anni, le Scuole Medie ad Indirizzo Musicale sono diventate un punto di riferimento culturale per le famiglie della comunità locale attraverso le varie iniziative musicali intraprese da e per gli alunni. Con lo scopo di avvicinare la musica in tutte le sue forme agli alunni che da poco hanno intrapreso lo studio musicale, è nata l’idea di alcuni insegnanti di strumento musicale di proporre dei concerti. Lo scopo ultimo di chi insegna la musica, al di là delle finalità di carattere educativo/formativo, è quello di trasmettere il proprio amore per quest’ arte e in una provincia come la nostra, dove la pratica musicale non è molto diffusa, la possibilità di offrire esecuzioni “dal vivo” costituisce indubbiamente un’esperienza preziosa. Così nasce la rassegna di concerti nelle scuole medie ad indirizzo musicale, intitolato “VIAGGIO NELLA MUSICA”. Durante l’anno, 14 scuole medie ad indirizzo musicale hanno organizzato e ospitato numerosi concerti rivolti ai propri alunni: i concerti avevano un carattere informale e durante il concerto gli stessi musicisti fornivano la chiave d’ascolto più opportuna per l’analisi delle varie composizioni e per la conoscenza ravvicinata degli strumenti adoperati ed i generi proposti. Inoltre, agli alunni più meritevoli provenienti dalle varie scuole della provincia, la rassegna ha offerto l’opportunità di  esibirsi insieme in una piccola tournee presso le  varie  scuole  per un’utile occasione di confronto artistico ed umano. Adesso la rassegna giunge a conclusione con il grande concerto finale del 7 giugno al Teatro Costa Bianca di Realmonte. Sarà una serata festosa, con la partecipazione dei docenti di strumento musicale di diverse scuole medie ad indirizzo musicale della provincia di Agrigento."

In effetti, l’avvenimento si presenta come un vero e proprio evento e non mancherà di suscitare curiosità ed interesse nei confronti di generi musicali diversi e variegati, ma tutti degni d’ascolto e d’attenzione. 

L’ingresso è libero; la cittadinanza è invitata ad intervenire.

Natalia Di Bartolo

http://nataliadibartolo.spaces.live.com

http://www.teatro.org/rubriche/news/si_conclude_a_realmonte_ag_la_rassegna_viaggio_nella_musica_13337

http://www.siciliainformazioni.com/giornale/spettacoli/20028/viaggio-nella-musica-sabato-allanfiteatro-costabianca-realmonte-concerto-finale.htm

http://www.comunicalo.it/index.php?option=com_content&task=view&id=752&Itemid=1 

http://www.agrigentoflash.it/news/show/5970

http://www.agrigentonotizie.it/notizie/leggi/25360/costabianca-concerto-finale-di-viaggio-nella-musica.html

  

Realmonte (AG): GRAN CONCERTO FINALE della Rassegna “VIAGGIO NELLA MUSICA”

 

Viaggiomusica

Avrà luogo a Realmonte (AG) il 7 giugno p.v. , nella splendida cornice dell’anfiteatro Costa Bianca, alle ore 20.00, il grande concerto finale della Rassegna Concertistica “VIAGGIO NELLA MUSICA”, iniziativa promossa dal coordinamento provinciale dei docenti di strumento musicale della provincia di Agrigento, con patrocinio dell’Ass. Prov. alla Cultura e dell’ Ufficio  Scolastico Provinciale della detta provincia.  

Così commenta il coordinatore provinciale dei docenti di strumento musicale della provincia di Agrigento, M°. Stefano Tesé:

"Nel corso degli anni, le Scuole Medie ad Indirizzo Musicale sono diventate un punto di riferimento culturale per le famiglie della comunità locale attraverso le varie iniziative musicali intraprese da e per gli alunni. Con lo scopo di avvicinare la musica in tutte le sue forme agli alunni che da poco hanno intrapreso lo studio musicale, è nata l’idea di alcuni insegnanti di strumento musicale di proporre dei concerti. Lo scopo ultimo di chi insegna la musica, al di là delle finalità di carattere educativo/formativo, è quello di trasmettere il proprio amore per quest’ arte e in una provincia come la nostra, dove la pratica musicale non è molto diffusa, la possibilità di offrire esecuzioni “dal vivo” costituisce indubbiamente un’esperienza preziosa. Così nasce la rassegna di concerti nelle scuole medie ad indirizzo musicale, intitolato “VIAGGIO NELLA MUSICA”. Durante l’anno, 14 scuole medie ad indirizzo musicale hanno organizzato e ospitato numerosi concerti rivolti ai propri alunni: i concerti avevano un carattere informale e durante il concerto gli stessi musicisti fornivano la chiave d’ascolto più opportuna per l’analisi delle varie composizioni e per la conoscenza ravvicinata degli strumenti adoperati ed i generi proposti. Inoltre, agli alunni più meritevoli provenienti dalle varie scuole della provincia, la rassegna ha offerto l’opportunità di  esibirsi insieme in una piccola tournee presso le  varie  scuole  per un’utile occasione di confronto artistico ed umano. Adesso la rassegna giunge a conclusione con il grande concerto finale del 7 giugno al Teatro Costa Bianca di Realmente. Sarà una serata festosa, con la partecipazione dei docenti di strumento musicale di diverse scuole medie ad indirizzo musicale della provincia di Agrigento."

In effetti, l’avvenimento si presenta come un vero e proprio evento e non mancherà di suscitare curiosità ed interesse nei confronti di generi musicali diversi e variegati, ma tutti degni d’ascolto e d’attenzione. 

L’ingresso è libero; la cittadinanza è invitata ad intervenire.

Natalia Di Bartolo

http://laboratoriopitturando.spaces.live.com 

http://www.teatro.org/rubriche/news/si_conclude_a_realmonte_ag_la_rassegna_viaggio_nella_musica_13337

http://www.siciliainformazioni.com/giornale/spettacoli/20028/viaggio-nella-musica-sabato-allanfiteatro-costabianca-realmonte-concerto-finale.htm 

http://www.comunicalo.it/index.php?option=com_content&task=view&id=752&Itemid=1 

http://www.agrigentoflash.it/news/show/5970

http://www.agrigentonotizie.it/notizie/leggi/25360/costabianca-concerto-finale-di-viaggio-nella-musica.html