ROMA: “AIDA” apre la Stagione Estiva delle TERME DI CARACALLA

 
caracalla
 
Tocca al titolo di Giuseppe Verdi forse più rappresentato al mondo, tocca all’opera in quattro atti Aida, inaugurare giovedì 10 luglio, alle 21, la stagione estiva delle Terme di Caracalla, nel palcoscenico ambientale e archeologico che la ospita dal lontano 1937: appuntamento di grande richiamo per gli appassionati e il pubblico internazionale.

Protagonisti l’Orchestra, il Coro preparato da Andrea Giorgi e il Corpo di Ballo diretto da Carla Fracci del Teatro dell’Opera di Roma.

Cinque le repliche (13, 15, 19, 22 e 24 luglio) in cartellone, cui seguiranno tre celebri titoli del melodramma e del balletto, con altre memorabili figure femminili, vittime di contrastate passioni d’amore: Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti dal 18 al 31 luglio, Madama Butterfly di Giacomo Puccini dal 27 luglio al 3 agosto, Giselle di Adolphe-Charles Adam dal 9 al 14 agosto.

Giovedì la “prima” – per la quale si annuncia il “tutto esaurito” – di Aida avrà un suggello di alto valore civile e culturale: sarà dedicata al ricordo di Altiero Spinelli, uno dei più insigni padri del processo di unità europea.

L’iniziativa è stata presa dal sovrintendente del Teatro, Francesco Ernani, d’intesa con il rettore dell’Università La Sapienza, Renato Guarini, nella sua veste di presidente del Comitato nazionale delle celebrazioni dell’autore del “Manifesto di Ventotene”, che agisce con l’alto patronato del presidente della Repubblica.

Sul podio andrà Antonio Pirolli, la regia è affidata a Maurizio Di Mattia, le scene sono di Andrea Miglio, Anna Biagiotti firma i costumi, in parte ricostruiti da quelli storici di Luigi Sapelli, in arte Caramba, Amedeo Amodio cura la coreografia.

Il dramma della schiava etiope (libretto di Antonio Ghislanzoni) debuttò al Cairo alla vigilia del Natale 1871, nell’atmosfera seguita all’apertura del Canale di Suez, e arrivò in Italia un mese e mezzo più tardi, alla Scala.

Lacerata tra la fedeltà al padre e il trasporto verso il suo nemico, il condottiero egizio Radamès, l’eroina si fa murare viva con lui, per rimanergli legata nell’eternità.

Nel ruolo del titolo si alternano Maria Carola e Olga Romanko, la rivale Amneris è interpretata da Laura Brioli e Renata Lamanda, Radamès avrà la voce di Franco Farina, Piero Giuliacci e Francesco Anile.

L’allestimento originario è stato realizzato nel 2007 da Beseto Opera Group di Sel e dalla Hong Kong Opera.

Una premiere da non perdere.

Inserita il 09 – 07 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 
 
 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...