Mese: settembre 2008

JAZZ SCHOOL MEETING & FESTIVAL 2008 a REALMONTE (AG): un grande successo da ripetere

 

Si è concluso, con un grande successo lo JAZZ SCHOOL MEETING & FESTIVAL 2008, che si è svolto a Realmonte (AG) dal 25 al 28 settembre.

 

L’ultima giornata del Festival, tutto dedicato alla musica d’origine americana, è stata, come le altre, ricchissima di ottima Musica, a partire dalla mattinata, in cui la cantante e docente Loredana Spata ha tenuto il proprio Lab di Canto Jazz al teatro Costabianca. Numerosi i partecipanti e, ospite d’eccezione, il soprano catanese Natalia Di Bartolo, che si è lasciata piacevolmente coinvolgere dall’energia e dal ritmo della musica che veniva eseguita in quel contesto, accettando di partecipare nel pomeriggio al Concerto dedicato proprio al Lab della Spata.

 

Jazz Costabianca gran finale 28 settembre  2008 033

 

 

Alle h. 19.00, quindi, al Faro di Monte Rossello, gli allievi di Loredana Spata si sono esibiti di fronte ad un folto pubblico, formato anche da turisti stranieri, che ha molto apprezzato il Concerto e, nel Concerto stesso, l’intervento della Di Bartolo, che ha eseguito un estratto dalla celeberrima canzone di Edith Piaf  “La vie en rose”.

 

Jazz Costabianca gran finale 28 settembre  2008 029

Natalia Di Bartolo presenta il brano "La vie en rose"

 

Immediatamente a seguire, al teatro Costabianca, è stata la volta dell’esibizione della vocalist Florinda Piticchio, accompagnata al pianoforte da Tarek Yamani. I due giovani, ma esperienti protagonisti si sono esibiti in un programma di raffinata scelta di brani, dedicata soprattutto alla musica brasiliana, precedendo l’attesissimo gran Concerto finale della Rassegna, che ha visto sul palcoscenico del Costabianca tutti i partecipanti alla kermesse a Realmonte, docenti e discenti, in un’orchestra di ragguardevoli dimensioni e di qualificata resa acustica, diretta magistralmente dal M°. Roberto Rossi.

 

Jazz Costabianca gran finale 28 settembre  2008 044

Florinda Piticchio e Tarek Yamani

 

Ospiti d’eccezione dell’orchestra, il prof. Paolo Salemi, stimato clarinettista, nonché, soprattutto, assessore alla Cultura, Sport e Spettacolo del Comune della città Scala dei Turchi, altri due componenti del noto quartetto di Clarinetti “Pomarico” di cui l’Assessore fa parte, e la flautista, ormai cittadina realmontese, prof.ssa Anna Maria Van Der Poel.

 

Jazz Costabianca gran finale 28 settembre  2008 049 

La Open Jazz Orchestra al completo

 

I nostri strumentisti hanno avuto la propria parte non solo nell’insieme orchestrale, ma anche nell’esibizione solistica e d’improvvisazione, dimostrando, insieme a tutti gli altri partecipanti, a cui è stato riservato il medesimo “spazio” personale, abilità e professionalità, unite ad una passione che travalica età, status, barriere tra docenti e studenti, in un ensemble di esemplare spirito di collaborazione e dialogo strumentale e personale fra i musicisti tutti.

 

Jazz Costabianca gran finale 28 settembre  2008 058

 

Una vera festa in musica, con ripetuti richiami al proscenio e bis richiesti a gran voce da un pubblico infreddolito, ma entusiasta, che assiepava il teatro Costabianca per l’evento conclusivo della Rassegna.

 

Come se la giornata non fosse bastata la “febbre” del jazz ha continuato ad ardere al Club del Giardino di Baìa, dove si è svolta la terza serata del Paolo Passalacqua trio & Session night, in cui, come ogni notte, fino alle ore piccole, i musicisti, mai stanchi, mai insonnoliti e mai sazi di musica, hanno continuato ad alternarsi sul palco, deliziando i non pochi nottambuli che li hanno seguiti con interesse e gusto per la buona musica.

 

Jazz Costabianca gran finale 28 settembre  2008 051

 

Un consuntivo assolutamente positivo, quindi, quello della Manifestazione del 2008, che ha trovato in Realmonte, nelle sue strutture, nell’accoglienza dei padroni di casa e, soprattutto, nel suo amore per la Cultura e per l’Arte un luogo ideale per il muoversi ed il giungere a destinazione di una “macchina” organizzativa imponente, come quella dello Jazz School Meeting & Festival 2008, che ha coinvolto, oltre ai musicisti, decine di persone che hanno lavorato intensamente e con competenza per l’ottima riuscita della Manifestazione.

 

Soddisfazione ha espresso, quindi, l’Amministrazione locale ed altrettanta soddisfazione gli Organizzatori del Festival, nella persona del Direttore artistico Mimmo Cafiero, noto batterista e compositore; organizzatori che hanno giocato la carta vincente della location “Realmonte” con le sue inestimabili bellezze naturali e le adeguate infrastrutture, quali il magnifico teatro Costabianca, bene d’inestimabile valore della cittadina dell’agrigentino.

 

L’auspicio, quindi, di un ripetersi dell’evento nel prossimo anno ha lasciato tutti concordi e, con un po’ di nostalgia, da domani la bella Manifestazione che ha animato Realmonte ed il Lido Rossello per ben quattro giorni, offrendo esibizioni musicali di livello decisamente internazionale, sarà un bel ricordo da tenere a mente quale esempio di come si possa “ fare Cultura” di altissimo livello, con risorse limitate anche in un piccolo centro come Realmonte, che, per quattro giorni, si è come animato a nuova vita e che intende con forza che ciò si ripeta.

 

Annunci

A Realmonte, con la RUBEN CHAVIANO & RICCARDO FASSI AFRO-CUBAN BAND e la SESSION NIGHT, il Jazz non ha più orari

 

Gran serata di prosieguo della kermesse Jazzistica a Realmonte (AG), il 26 settembre, al Club “Giardino di Baìa”, con il Concerto del “Ruben Chaviano & Riccardo Fassi afro cuban quartet”:

 

Jazz agiardino Baia 26 settembre  2008 003

Ruben Chaviano

Ruben Chaviano violin

Riccardo Fassi piano

Lorenzo Sandi acoustic bass

Leonardo De Lorenzo drums

Il programma musicale, pur restando strettamente jazzistico, si è basato sulle tradizioni musicali di origine cubana, in un excursus anche storico, che ha fatto risalire elementi armonici e ritmici tipicamente cubani della musica eseguita addirittura al XVIII secolo. Il programma ha compreso anche un “Bolero”, dal titolo “Claudia” ed un brano dalla colonna sonora di un film italiano, composta da Chaviano e Fassi, dal titolo “Gare de Lyon”.

Jazz agiardino Baia 26 settembre  2008 005

Riccardo Fassi

Strepitosi gli interpreti, con una particolare lode al giovane contrabbasssita, Lorenzo Sandi ed al batterista Leonardo De Lorenzo, che hanno ben amalgamato la propria ancor giovane esperienza con quella ben più navigata degli altri due musicisti, un Ruben Chaviano vero virtuoso di violino ed uno straordinario pianista come Riccardo Fassi.

Ma ciò che colpisce è il piacere personale e gioioso che gli interpreti mettono nell’eseguire la loro musica e trasmettono al pubblico, anche in questa occasione numeroso ed interessato, messo a proprio agio nei locali del Club “Giardino di Baìa”, dalla possibilità di cenare o di bere ottimi cocktails anche durante il concerto: un’usanza tutta americana, ma che gratifica il pubblico e lo mette sempre più a contatto con la naturalezza di una musica in cui il ritmo la fa da padrone indiscusso, anche nel caso di un bis “soft”, come quello che ha concluso il Concerto: “Poinciana”.

Jazz agiardino Baia 26 settembre  2008 006

Lorenzo Sandi e Leonardo De Lorenzo

Ma la serata era appena cominciata: con il Sergio Schifano trio & la Session night del giorno, i musicisti, maestri ed allievi, hanno fatto le ore piccole, dando vita ad improvvisazioni ed esecuzioni che hanno visto Mimmo Cafiero al pianoforte, Tarek Yamani allo stesso strumento, Giulio Martino al sax ed un folto gruppo di studenti dei Jazz labs, strumentisti e cantanti, che si sono gioiosamente avvicendati sul palco, deliziando il pubblico che non aveva la minima intenzione di cedere al sonno, rimanendo in ascolto del gradevolissimo ensemble che si è alternato alla ribalta, con brani jazz di ogni tipo e con l’entusiasmo di chi la musica la fa per passione, più che per mestiere.

Reamonte Meeting jazz 2

Un momento della Session night

E domani, 27 settembre, è un altro giorno di Concerti…

Natalia Di Bartolo

http://www.teatro.org/spettacoli/recensioni/ruben_chaviano_riccardo_fassi_afro_cuban_quartet_sergio_schifano_trio_session_night_11432#recens

 

http://www.comunicalo.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1286&Itemid=26

 

http://www.agrigentoweb.it/index.php?option=com_content&task=view&id=8111&Itemid=452&mosmsg=Grazie+per+il+tuo+voto%21

 

http://www.agrigentonotizie.it/notizie/leggi/29425/realmonte-serate-a-tutto-jazz.html

 

 

Il GIOVANNI AMATO QUARTET dà il via alla kermesse Jazzistica a REALMONTE (AG)

 
E’ iniziato in bellezza il Jazz School Meeting & Festival 2008 a Realmonte (AG), il 25 settembre, con l’atteso Concerto del Giovanni Amato quartet:

Giovanni Amato trumpet
Dino Rubino piano
Nello Toscano acoustic bass
Mimmo Cafiero drums

 

smallApertura festival jazz 25 settembre  2008 035 small

Giovanni Amato

La serata, all’interno del Club “Giardino di Baìa”, si è svolta nella migliore tradizione del Jazz di livello internazionale, in cui alla musica già “scritta” si unisce una geniale improvvisazione, con un “richiamarsi” dei musicisti l’uno con l’altro, in una sintonia che certo richiede anni di lavoro e di collaborazione, nonché una innata capacità di unire il proprio “lavoro sonoro” a quello degli altri.

Nel solco di questa nobilissima tradizione, propria del Jazz più raffinato, si è svolto sotto gli occhi di un folto pubblico, sinceramente interessato e gratificato da magnifici passaggi armonici e ritmici, un concerto che poteva far dire, così com’è accaduto, allo spettatore più esigente: “Questa sera mi sento a New York”.

Splendido il “dialogo” fra i quattro musicisti, soprattutto fra la tromba di Giovanni Amato e la batteria di Mimmo Cafiero, sensibilissimo ai richiami del trombettista e capace di rispondere con un’intensità da brivido alle sollecitazioni ed agli spunti lanciati dal collega.

Ottimo supporto e non solo, ma a volte protagonista del Concerto, il pianoforte del giovanissimo Dino Rubino, che ha dimostrato un’eccellente capacità di amalgama e di duttilità, di fronte a dei veri “mostri sacri” con i quali si trovava a contatto; indispensabile, nella sua perfetta sintonia, il contrabbasso di Nello Toscano, fondamentale per l’assoluta fusione del gruppo.

Richiesto a gran voce, il bis è stato un crescendo virtuosistico di rara e sofisticata tecnica musicale, degno dei palati più esigenti.

Inedito, alla fine, un momento di estro artistico del protagonista della serata: un Giovanni Amato pianista e trombettista contemporaneamente, in un brano di rara emozione soft, quasi romantica, con un modo di suonare inedito e particolarissimo: la tastiera del piano con la mano sinistra e la tromba con la destra, accompagnato a tratti dalle voci degli allievi dei vocal labs della Rassegna.

Complementari, dunque, ma pur sempre virtuosi solisti, i quattro musicisti che hanno aperto il Festival 2008 ed hanno regalato a Realmonte un momento di altissimo livello artistico e culturale.

Il Festival proseguirà nella città della Scala dei Turchi fino al 28 settembre, con molti altri concerti, tutti da non perdere.

Natalia Di Bartolo

http://www.teatro.org/spettacoli/recensioni/giovanni_amato_quartet_11430#recens

http://www.comune.realmonte.ag.it/index.php?option=com_content&task=view&id=61&Itemid=1

Prosegue con I PURITANI di V. BELLINI la Stagione del DONIZETTI di BERGAMO

 
Con “I Puritani” di Vincenzo Bellini il cartellone 2008 del Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti entra nel vivo: l’opera che, nell’appofondire ulteriormente possibili risonanze evocate dal ‘sottotitolo’ del Festival, “Umani delitti e divini castighi nel realismo storico del teatro romantico”, disegna un percorso in cui la distanza fra vita desiderata e accadimenti porta la protagonista alla disperazione e alla follia, per l’occasione bergamasca sarà presentata secondo l’edizione critica curata da Fabrizio Della Seta.
 
 
BelliniDIBARTOLO
Francesco Di Bartolo (1826-1913), ritratto di Vincenzo Bellini autografato ad incisione, acquaforte con ritocchi a bulino, Napoli, 1860 circa


Gli appuntamenti bergamaschi divengono così una prima assoluta. Come prima assoluta fu la rappresentazione parigina del lontano 1835 degli stessi “Puritani”, ma anche di “Marino Faliero” di Gaetano Donizetti, che il Bergamo Musica Festival pure proporrà al suo pubblico nei giorni 31 ottobre e 2 novembre p.v..

Ma torniamo al 1835. Un anno ‘speciale’ per le scene francesi, segnato dalla presenza di Gioachino Rossini che, allora consulente artistico del Teatro degli Italiani, diede vita a quello che molti studiosi ritengono il più straordinario cartellone lirico della metà dell’Ottocento, un vero ‘manifesto’ di ciò che oggi definiremmo ‘belcanto’. E questo grazie alla decisione, presa da Rossini stesso, di porre a confronto i due più promettenti autori italiani dell’epoca, appunto Vincenzo Bellini, invitato a comporre “I puritani”, e Gaetano Donizetti, invitato a comporre proprio “Marino Faliero”.

L’occasione bergamasca di ascoltare i due capolavori a breve distanza di tempo si fa quindi tanto “più golosa” e segna l’unicità del Bergamo Musica Festival nel panorama dei Festival lirici italiani ed internazionali.

ARGOMENTO
L’azione si svolge presso Plymouth, in Inghilterra nel secolo XVII, al tempo di Oliver Cromwell. La storia d’amore si intreccia con lo scontro politico fra il partito dei Puritani e quello degli Stuart, dopo la decapitazione di Re Carlo I.
ATTO I. La fortezza di Plymouth: La notizia che Elvira Valton sta per andare sposa ad Arturo Talbo rattrista Sir Riccardo Forth, cui Gualtiero Valton aveva un tempo promesso la mano della figlia. Quando tutto è pronto per la cerimonia, Arturo, partigiano degli Stuart, riconosce in una misteriosa prigioniera la regina spodestata, Enrichetta Maria di Francia, che sta per essere accompagnata in tribunale. Con uno stratagemma, facendola passare per la sua sposa grazie al velo che la stessa Elvira, per gioco, le ha posto sul capo, Arturo riesce a lasciare le mura insieme alla prigioniera. Prima di fuggire, la coppia s’imbatte in Riccardo, che li lascia partire, ben felice di liberarsi del rivale. Alla notizia che il promesso sposo è fuggito con una donna, Elvira impazzisce.
ATTO II. In una sala del castello, il buon zio Giorgio racconta con commozione agli astanti la follia di Elvira. Poco dopo la fanciulla compare, vaneggiando e chiamando a sé l’amato Arturo. Giorgio tenta di convincere Riccardo a non trascinare il rivale davanti al tribunale, poiché egli non è il solo responsabile della fuga di Enrichetta. L’occasione della resa dei conti sarà piuttosto l’imminente battaglia tra i puritani e i seguaci degli Stuart.
ATTO III. La scena si svolge «in un giardino a boschetto, vicino alla casa d’Elvira». Sotto uno spaventoso uragano, il fuggiasco Arturo, braccato dai soldati dell’esercito puritano, tenta di avvicinarsi alla casa dell’amata, che ode di lontano intonare la loro canzone d’amore. Arturo le risponde con la stessa melodia e finalmente Elvira lo riconosce e lo raggiunge. L’emozione è tale da farle tornare la ragione, ma la pace dura poco: l’esercito irrompe e circonda i due innamorati. Per Arturo è stata già pronunciata la condanna a morte quando uno squillo di tromba annuncia la definitiva sconfitta degli Stuart. Per celebrare la vittoria, Cromwell dispone un’amnistia: le tribolazioni di Arturo ed Elvira sono finite.

INTORNO AI PURITANI

Anche le rappresentazioni dei “Puritani” saranno precedute da una serie di appuntamenti preparatori, Guide all’ascolto, Letture, Proiezioni cinematografiche, Concerti, come da calendario seguente:

Giovedì 2 ottobre ore 20.30
presso la Biblioteca Tiraboschi il consueto appuntamento con la Guida all’ascolto. Il regista Paolo Panizza introdurrà il pubblico alla sua lettura dei “Puritani”

Sabato 4 ottobre ore 18.00
Per il ciclo Letture, presso l’Osteria Ai tre gobbi, già locale frequentato da Donizetti nei suoi anni bergamaschi, Tiziano Ferrari di Pandemonium Teatro leggerà pagine da epistolari e biografie dell’epoca in un appuntamento dedicato alla Parigi che vide le rappresentazioni dei “Puritani” e di “Marino Faliero”. Parigi, Città d’adozione di molti esuli italiani: letterati, musicisti, uomini di cultura.

Martedì 7 ottobre ore 17.00
Altrettanto consueto l’appuntamento con la ‘cinematografia a tema operistico’ presso l’Auditorium di Piazza Libertà, sul cui schermo sarà proiettato il film “Casta diva” di Carmine Gallone, dedicato a Bellini e alla sua musica.

Giovedì 9 ottobre ore 18.00
Ricco il programma dell’altrettanto tradizionale “Caffè del Teatro”, con sede presso il Salone Riccardi. A Fabrizio della Seta, cui si deve l’edizione critica dei “Puritani”, che appunto il 12 ottobre sarà presentata in prima esecuzione assoluta sulle tavole del Donizetti, toccherà il compito di raccontare l’opera, mentre il Quartetto Mayr accompagnato al pianoforte da PierAngelo Pelucchi proporrà una serie di pagine dello stesso Bellini.

Appuntamento straordinario poi
Sabato 11 ottobre ore 16.00
Presso il Ridotto Gianandrea Gavazzeni del Teatro Donizetti, saranno messi a confronto, in un dibattito aperto al pubblico, esperti donizettiani ed esperti belliniani, che, in riferimento alla scelta di riportare in scena le due opere, “I puritani” e “Marino Faliero”, componenti il più volte citato cartellone parigino del 1835, si confronteranno sul valore degli stessi titoli, con attenzione alla produzione dei due autori e al contesto storico che li vide operare.
Sempre Sabato 11 ottobre, ma alle ore 18.00
Avrà luogo, sempre presso il Ridotto Gavazzeni la cerimonia di conferimento del Premio Donizetti, edizione 2008, che, con la partecipazione e la presentazione di Giancarlo Landini, sarà assegnato a Mariella Devia.

Teatro Donizetti
Stagione lirica e di balletto 2008 dedicata a Leyla Gencer

«Rea son io, pregar non oso»
Umani delitti e divini castighi nel realismo storico del teatro romantico

Teatro Donizetti
Domenica 12 ottobre ore 15.30
Martedì 14 ottobre ore 20.30

Vincenzo Bellini
I PURITANI

Melodramma serio in due parti e tre atti di Carlo Pepoli
Prima rappresentazione: Parigi, Théâtre-Italien, 25 gennaio 1835

In lingua italiana. Sopratitoli: italiano e inglese

Prima esecuzione assoluta della
Edizione Critica a cura di Fabrizio Della Seta

Editore CASA RICORDI – Milano

PERSONAGGI
INTERPRETI
Arturo Talbo
Ji Myung Hoon
Elvira
Jessica Pratt
Riccardo
Roberto Accurso
Giorgio Valton
Enrico Giuseppe Iori
Enrichetta
Annalisa Carbonara
Gualtiero Valton
Giorgio Valerio
Sir Bruno Roberton
Massimiliano Di Fino

Direttore d’orchestra Marcello Rota

Regia Paolo Panizza
Scene Michele Della Cioppa
Costumi Simona Morresi
Disegno luci Vincenzo Raponi

Orchestra e Coro del Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti
Maestro del Coro Fabio Tartari

INFORMAZIONI
Ingressi alla rappresentazioni liriche da 10,00 a 63,00 euro.
Tutti gli altri appuntamenti calendarizzati sono ad ingresso libero.

CONTATTI
Fondazione Donizetti
Piazza Cavour, 15 – 24121 Bergamo
tel. 035.244483
http://www.donizetti.org

Inserita il 24 – 09 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 

Al via la grande Musica di JAZZ SCHOOL MEETING & FESTIVAL 2008 a REALMONTE (AG)

 

Al via a Realmonte (AG), dal 25 al 29 settembre, la kermesse di livello internazionale “Jazz School Meeting & Festival 2008”, che, sotto la direzione artistica del batterista e compositore Mimmo Cafiero (nella foto), vedrà in scena il meglio del Jazz contemporaneo, insieme alla possibilità data ai numerosi studenti provenienti dalle migliori scuole di Jazz di frequentare dei Seminari e di lavorare insieme, formando dei gruppi che potranno esibirsi, non solo nel gran concerto finale del 29 settembre al Teatro Costabianca, ma anche nel corso delle giornate di studio, al Faro del Monte Rossello, nonché di assistere ai Jazz labs quali uditori.

Mimmo Cafiero

Ma certamente sarà il grande pubblico a godere di quattro giornate intensissime dedicate alla grande Musica d’origine americana, avendo la possibilità di assistere, volendo, a ben quattro Concerti al giorno.

Una vera “full immersion” nel mondo del Jazz ad altissimo livello, che non mancherà di interessare e coinvolgere un pubblico già attento e curioso, in attesa dell’inizio del Festival, che, quest’anno, anziché a Palermo, come è accaduto nelle due precedenti edizioni, si svolgerà nello splendido comprensorio della città della Scala dei Turchi.

Affascinanti e stupende le “locations” in cui avranno luogo i Concerti-Evento della kermesse, a cominciare dal magnifico Teatro Costabianca, per proseguire con la postazione del Faro sul Monte Rossello, per continuare ancora nel suggestivo Jazz Club “Giardino di Baìa”, dove si farà musica dal vivo tutti i giorni fino a tarda notte.

Un evento da non perdere e che non mancherà di dare lustro ad una cittadina come Realmonte, che va sempre più aprendosi all’Arte ed alla Cultura, trovando positivi riscontri in un pubblico assetato di eventi ad alto livello e desideroso non solo di godere delle meraviglie naturalistiche della zona, ma di fruire di Manifestazioni che lascino il segno e che si auspica vengano ripetute negli anni a venire, a tutto vantaggio della levatura culturale e dell’economia della zona turistica agrigentina.

Informazioni per il pubblico:
Associazione Siciliana Musica Insieme
Via Nuova, 60 -90146 PALERMO

infoline: 091.8888335 – 393.9206610

http://www.openjazzclub.it

e-mail: info@openjazzclub.it


Sito del Comune di Realmonte: www.comune.realmonte.ag.it


Responsabile Ufficio Stampa, dott.ssa Natalia Di Bartolo,

e-mail:   nataliadibartolo@hotmail.it

 
Inserita il 24 – 09 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 


INEDITI DI VINCENZO BELLINI IN PRIMA ASSOLUTA al Massimo ‘Bellini’ di CATANIA

 
Un grande concerto nel Teatro Massimo Bellini di Catania, con un programma composto da tanti inediti della produzione belliniana e vere e proprie prime assolute, chiuderà il 23 settembre 2008 alle ore 21, i Bellini Days, i giorni di settembre che il Teatro dedica al sommo musicista catanese Vincenzo Bellini (Catania, 3 novembre 1801- Puteaux, 23 settembre 1835), in coincidenza con l’anniversario della sua scomparsa, quest’anno il 173°.
 
bellinidayslogo
L’orchestra del Teatro Massimo Bellini sarà diretta dal direttore stabile Stefano Ranzani, il coro da Tiziana Carlini. Soprano Aleksandra Kurzak, mezzosoprano Marina Comparato. L’arpista solista è Giuseppina Vergine.

Tolte dall’oblìo grazie alle pazienti ricerche e al meticoloso lavoro di ricostruzione del musicologo ed esperto belliniano Domenico De Meo, verranno eseguite in prima esecuzione assoluta diverse composizioni di Vincenzo Bellini: una ouverture e una sinfonia de I Puritani, abbozzate ma che non fecero parte dell’opera così come andò in scena a Parigi nel gennaio del 1835 e recentemente scoperte; una sinfonia di Bianca e Fernando, scritta nel 1828 per l’edizione genovese; un Largo per arpa in fa minore sul tema del “Sorgi o padre”, sempre da Bianca e Fernando, il cui autografo è stato rinvenuto nella Biblioteca Nazionale di Parigi.

Il programma verrà completato con alcune vere e proprie rarità della produzione musicale del Cigno catanese, scritte in epoca giovanile; come l’Ottava sinfonia in re (in prima esecuzione moderna) e la Quarta sinfonia in re minore, entrambe composte durante la permanenza a Napoli; Quattro arie per voce e orchestra, tre delle quali scritte a Catania tra il 1818 e il 1819, la quarta a Napoli nel 1824, con i versi forse del suo primo vero grande amore, Maddalena Fumaroli; e, infine, il Salve Regina in la maggiore del 1818, epoca in cui Bellini era ancora a Catania; il Credo in do maggiore e il Te Deum in do maggiore, composizioni entrambe scritte nel Conservatorio di Napoli, dove ancora oggi si trovano gli autografi.

Orchestra, coro e tecnici del Teatro Massimo Bellini.

Prima dell’inizio dello spettacolo, il sovrintendente del Teatro Antonio Fumefreddo consegnerà una medaglia commemorativa al maestro Domenico De Meo, cui si deve la realizzazione del programma del concerto, come segno di riconoscenza per il lavoro compiuto in tutta la sua vita per mantenere vive la figura e l’arte di Vincenzo Bellini.

L’ingresso al concerto è gratuito con ritiro del biglietto al botteghino del teatro a partire dal 22 settembre, e fino ad esaurimento dei posti (massimo due per richiedente).

Un evento assolutamente da non perdere.

Inserita il 20 – 09 – 08
Fonte: Natalia Di Bartolo
 
 
 

Realmonte: il programma del Festival Jazz

 
Jazz School Meeting & Festival 2008
Realmonte – Lido Rossello 25/28 settembre 2008

Concerti


GIOVEDI’ 25

Ore 22.15    

Giovanni Amato quartet

Giovanni Amato trumpet

Dino Rubino piano

Nello Toscano acoustic bass

Mimmo Cafiero drums

Jazz Club “Giardino di Baìa” – ingresso libero

VENERDI’ 26

Ore 19.00

Giulio Martino jazz lab

 

Ore 19.45

Tarek Yamani jazz lab
Faro di Monte Rossello – ingresso libero

 

Ore 22.15

Ruben Chaviano & Riccardo Fassi afro cuban quartet

Ruben Chaviano violin

Riccardo Fassi piano

Lorenzo Sandi acoustic bass

Leonardo De Lorenzo drums

Ore 24.00

Sergio Schifano trio & Session Night

 Jazz Club “Giardino di Baìa” – ingresso libero


SABATO 27

Ore 19.00

Giampaolo Casati jazz lab

Ore 19.45

Leonardo De Lorenzo jazz lab

Faro di Monte Rossello – ingresso libero

 

Ore 22.15

Alice Sparti trio

Alice Sparti vocal

Orazio Maugeri alto sax

Paolo Passalacqua piano

 

Ore 23.00

Mimmo Cafiero Open Band


Giampaolo Casati trumpet

Orazio Maugeri alto sax

Giulio Martino soprano & tenor sax

Roberto Rossi trombone

Tarek Yamani piano

Igor Ciotta electric bass

Mimmo Cafiero drums

Teatro Costabianca – ingresso libero

 

Ore 24.00

Paolo Passalacqua trio & Session Night

Jazz Club “Giardino di Baìa” – ingresso libero


DOMENICA 28

Ore 19.00

Loredana Spata jazz vocal lab

Faro di Monte Rossello – ingresso libero

 

Ore 22.15

Florinda Piticchio & Tarek Yamani

Florinda Piticchio vocal

Tarek Yamani piano

Ore 23.00

Open Jazz Orchestra diretta da Roberto Rossi

Teatro Costabianca – ingresso libero

 

Ore 24.00

Paolo Passalacqua trio & Session Night

Jazz Club “Giardino di Baìa” – ingresso libero


Seminari

 VENERDI’ 26

Ore 12.00 > 14.00 Giulio Martino jazz lab

Ore 12.00 > 14.00 Tarek Yamani jazz lab

Ore 15.30 > 18.00 Roberto Rossi orchestra lab


SABATO 27

Ore 12.00 > 14.00 Giampaolo Casati jazz lab

Ore 12.00 > 14.00 Leonardo De Lorenzo jazz lab

Ore 15.30 > 18.00 Roberto Rossi orchestra lab

        

 DOMENICA 28

Ore 12.00 > 14.00 Loredana Spata jazz vocal lab

Ore 15.30 > 17.30 Loredana Spata jazz vocal lab

Ore 12.00 > 14.00 Roberto Rossi orchestra lab

Ore 15.30 > 17.30  Roberto Rossi orchestra lab

Indirizzi location:

Teatro Costabianca – Lido Rossello – Realmonte (AG)

Faro di Monte Rossello – Lido Rossello – Realmonte (AG)

Giardino di Baìa – Lido Rossello – Realmonte (AG)

 

Indirizzi utili:

-Sito del Comune di Realmonte: www.comune.realmonte.ag.it

-Ufficio Turistico: via Portella delle Ginestre Tel. 0922/816142 Email-comunerealmonturismo@libero.it Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

-Pro Loco – Piazza UmbertoI  Tel.0922/814607

-Baìa – Lido Rossello – Realmonte Tel.0922/816069 – 3395044055
 
A cura di Natalia Di Bartolo