Mese: dicembre 2009

CATANIA: il Soprano NATALIA DI BARTOLO al LYCEUM CLUB, in un Récital dedicato all’Opera

Il Soprano catanese Natalia Di Bartolo (a destra nella foto, insieme
alla Presidente del Lyceum di Catania, Sig.ra Lina Costa ed al
pianista, M°. Stefano Sanfilippo) è stata "Ospite Musicale" del Lyceum
Club sabato 19 dicembre 2009, nel Salone-Auditorium dell’Hotel Katane
di Catania.





Rientrando la sua performance nella Stagione Concertistica 2009-2010
del Club, l’Artista è stata accompagnata al pianoforte dal suddetto M°.
Sanfilippo e si è esibita in Concerto per le Gentili Socie del Club e
per gli illustri Ospiti, con un Concerto tutto dedicato all’Opera
italiana e francese, avendo in programma brani di Bellini, Donizetti,
Verdi, Puccini, Gounod e Meyerbeer. Grande il successo riscosso dal
Soprano, che è stata a lungo applaudita, insieme all’ottimo pianista,
ed ha voluto dedicare al pubblico anche due altrettanto apprezzati
fuori programma.



Natalia Di Bartolo è stata, fino a qualche anno fa, socia effettiva del
Lyceum Club di Catania, insieme alla Madre; e la sua nonna paterna è
stata tra le Socie Fondatrici del Lyceum a Catania. Una tradizione di
Famiglia, quindi, per l’Artista, lo storico Club nella sua Sede
catanese.



Appassionata da sempre di Musica Classica, la dott.ssa Natalia Di
Bartolo è stata, dall’età di 18 anni, quale Socia effettiva, assidua
frequentatrice delle Stagioni Concertistiche del Lyceum.


Ancora gli Artisti in gruppo con la Presidente



Allora la Cantante studiava Lettere all’Università e si laureava, con
una Tesi sull’illustre Antenato, l’Incisore Francesco Di Bartolo
(1823-1913) e, contemporaneamente, si dedicava alla Grafica ed alla
Pittura, allora sotto la guida di Nino Mustica, partecipando
attivamente anche alla vita artistica del Club con una Personale e con
svariate Collettive.



Conclusi gli Studi Letterari, Natalia Di Bartolo ha continuato a
dipingere ed ha esposto nuovamente al Lyceum, nel 2001, questa volta
non più da Socia, ma da Ospite invitata dall’Associazione, in un’ampia
Mostra Personale Antologica, dal titolo "Itinerario d’Artista".



Nello stesso tempo, dopo la Laurea, si dedicava finalmente allo studio
dell’adorata Musica, scoprendo doti canore di rara finezza e
sensibilità e studiando Canto Lirico fino a giungere al professionismo .



Adesso, quindi, Natalia Di Bartolo è stata nuovamente Ospite della Sede
di Catania del Club, invitata dal Lyceum ad esibirsi. L’Artista ci
dichiara che questo invito ha rappresentato per lei una tappa molto
significativa della sua Carriera Musicale, anche dal punto di vista
affettivo: non avrebbe mai immaginato, quando, ragazzina, chiedeva
l’autografo al grande pianista Boris Petrushanskij, che sarebbe giunto
il momento per lei di esibirsi sullo storico palco del Lyceum, che per
tanti anni l’aveva fatta sognare ed aveva incrementato in lei l’amore e
la conoscenza della Musica Classica.


Il pubblico del Lyceum al Katane Hotel



NATALIA DI BARTOLO, Soprano Lirico-Leggero, capace di Coloratura, nata
a Catania, vive da qualche anno a Realmonte (AG). Affiancando al canto
gli studi di pianoforte con i maestri Salvatore Margarone e Paul Badura
Skoda, ha conseguito il Diploma Universitario di Alto Perfezionamento
in Canto e Orchestra, a Catania, con Giuseppina Sofia, sotto
l’autorevole bacchetta di Tomasz Bugaj. Si è poi perfezionata in canto
lirico con Elio Battaglia. Ha vinto il III premio nella Sezione canto
al Concorso Musicale Internazionale "La Vallonea" di Tricase (LE), nel
2000, ed ha studiato in Francia nei Master dell’Opéra Francaise. A
Parigi si è perfezionata con Claudie Martinet, già Professeur des roles
lyrique al Conservatoire National de Paris e Chef de Chant al teatro
dell’Opéra de Paris ed a Nizza con Catherine Decaen, titolare della
Cattedra di Canto Lirico nel Conservatoire National de Régione de Nice
e di St. Jean de Luz, accompagnata al pianoforte da Catherine
Gamberoni, Chef de Chant del teatro de l’Opéra de Nice e dell’Opéra
Bastille de Paris. A coronamento di questi studi si è esibita in due
Concerti a Parigi, nella Salle ‘8BN’: nel 2001, accompagnata da
Marie-Christine Goueffon, “Chef” de Chant All’Opéra Studio dell’"Opera
de Paris Bastille"; e nel 2004, accompagnata al pianoforte dalla grande
Claudie Martinet.


Voce rotonda e di colore bruno, ma nello stesso tempo agilissima e
squillante, dotata di notevole estensione sia nei gravi che nei
sovracuti, spazia volentieri, quindi, nel virtuosistico repertorio
mozartiano ed in quello del Melodramma italiano, nutrendo inoltre una
particolare predilezione per il repertorio operistico francese (Gounod,
Meyerbeer e Delibes, soprattutto), ove sia adatto al proprio registro
vocale e ad un temperamento nettamente portato all’interpretazione di
ruoli drammatici. Non trascura, però, il repertorio di Musica Sacra,
prediligendo le agilità mozartiane, ma avendo in repertorio anche
autori come Haendel, Gounod e Mercadante. L’attività da Soprano
dell’Artista è sempre assai ricca d’impegni e prestigiosi appuntamenti,
sia in Italia che all’estero.Dal 2006, quale musicologa ed esperta di
vocalità, spesso viene chiamata a far parte di Giurie di Concorsi
Musicali, fra cui la prestigiosa Rassegna-Concorso Nazionale
"Euterpe-Mediterraneo in musica" per gli alunni delle scuole medie ad
indirizzo musicale, che si svolge ogni anno al Palacongressi di
Agrigento.


Alla sua ricca carriera musicale affianca una florida produzione
letteraria. Si è laureata in Lettere e Filosofia all’Università degli
Studi di Catania, con una Tesi sul suo antenato Francesco Di Bartolo
(1826-1913), uno dei più illustri incisori dell”800 europeo. Questo le
consente di seguire la carriera di storica dell’arte, pubblicando
numerosi saggi e partecipando in qualità di relatrice a diverse
conferenze sull’arte e sulla musica classica. Collabora con la testata
web Teatro.Org come curatrice della rubrica "D’Opera in Opera" ed è
Redattrice per la Sicilia della sezione Opera. Scrive testi in Italiano
e Latino, soprattutto per la Musica Sacra, su http://www.musica-sacra.it, in
particolare in collaborazione con il Compositore sardo M°. Mariano
Garau, ed ha creato e gestisce siti web d’argomento artistico e
musicale. Ha studiato Incisione e Pittura con Nino Mustica, e si è poi
diplomata in ‘Calcografia Classica’ alla Scuola Internazionale di
Grafica di Venezia. Ha esposto ed espone i propri lavori di Grafica,
Pittura e Collage, fin da giovanissima, in Mostre Personali e
Collettive, in Italia ed all’Estero.



STEFANO SANFILIPPO, pianista e direttore d’Orchestra, si è diplomato in
pianoforte con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore
nell’Istituto Musicale "V. Bellini" della sua città, sotto la guida del
M° Corrado Ratto, ottenendo la borsa di studio come migliore diplomato
dell’Istituto stesso.


Dopo aver ottenuto lusinghieri riconoscimenti in numerosi concorsi
nazionali ed internazionali, si è dedicato preminentemente all’attività
concertistica esibendosi da solista, in formazioni cameristiche (in duo
con clarinetto, violoncello, trombone e con quartetto d’archi) e come
maestro accompagnatore di cantanti, in Italia, Austria, Svizzera,
Belgio, Stati Uniti, Romania e Spagna. Vanta un’intensa attività
discografica: ha infatti inciso musica contemporanea di compositori
siciliani in formazioni cameristiche; celebri arie francesi, in duo col
soprano Mata Zerbo; arie belliniane, col tenore Salvatore Emanuele
Samperi; studi didattici per il canto, col soprano Pina Sofia, e brani
di repertorio per duo pianistico, con la pianista Giulia Gangi. Ha
partecipato alla produzione discografica, da pianista accompagnatore,
dello Stabat Mater di A. Scarlatti e E. R. D’Astorga – solisti
Ansermet, Carmignani, Todaro, Abbondanza, dir. Bostock e della Messa 2°
di V. Bellini, del Tantum Ergo e della Missa pro defunctis di G.
Geremia – solisti Ricciarelli, Aparo, Fisichella, Zanasi, dir. Bostock.
E’ stato pianista accompagnatore della Camerata Polifonica Siciliana e
della Budapest Philarmonic Orchestra – Hungarian State Chorus e solista
con “I solisti dell’accademia d’arte e musica”, con l’Italian Chamber
Orchestra, con l’Ente Autonomo Orchestra Sinfonica Siciliana, con
l’Orchestra Filarmonica “Busoni” e con l’Orchestra Filarmonica
Nazionale della Repubblica Moldava. Hanno contribuito alla sua
formazione artistica i maestri: Boris Petrushansky, Aldo Ciccolini,
Anna Maria Cigoli, Vera Gornostaeva, Aquiles delle Vigne, Nora Doallo
e, alla Hochschule di Zurigo, il M° Homero Francesh; per la
composizione, infine, il M° Eliodoro Sollima. Ha frequentato il corso,
per audizione, di maestro collaboratore col M° Donato Renzetti presso
l’Accademia Musicale Pescarese. E’ Pianista Accompagnatore
dell’Istituto Musicale “V. Bellini” di Catania. Ha pubblicato revisioni
di celebri brani d’opera e di musica da camera per canto e pianoforte e
trattati didattici con le Edizioni Armelin di Padova, con le Edizioni
Musicali Novecento di Catania e con le Edizioni Rugginenti di Milano.
Ha studiato direzione d’orchestra coi maestri Aldo Ceccato, Aldo Faldi,
Dario Lucantoni e Donato Renzetti. Ha diretto Gli archi de “I Pomeriggi
Musicali” di Milano, l’orchestra da camera “Kore Ensemble” e la Piccola
Orchestra in Opera da lui stesso fondata. Nell’estate del 2008 ha
diretto Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni.

Inserita il 21 – 12 – 09


Fonte: Giuseppe Vella

Leggi altri articoli di Giuseppe Vella

Annunci

Il LYCEUM CLUB INTERNATIONAL, un’Istituzione all’avanguardia, fra Arte e Cultura

In Italia, seguendo l’onda che veniva dalle organizzazioni
anglosassoni, come la Liberal Women’s Suffrage Society, intorno alla
fine del XIX secolo cominciarono a nascere associazioni che si
proponevano l’emancipazione femminile e a Roma, nel 1899, venne
costituito il primo comitato pro Suffragio.



Nacque di seguito il Consiglio Nazionale delle Donne Italiane che nel
1903 aderì alla Consociazione Nazionale Italiana per la Cooperazione
Intellettuale e al Consiglio internazionale delle Donne.



Il 20 giugno 1904,a Londra, nella bella sede di Piccadilly, al n°
128,veniva inaugurato quello che per il momento aveva nome LYCEUM CLUB
INTERNAZIONALE PER ARTISTE E SCRITTRICI, fondato da Constance Smedley
che ne affidò la presidenza a Lady Frances Balfour: ispirato ad un
femminismo moderato, faceva della battaglia per il diritto al voto la
sua meta principale, ma si asteneva da forme di protesta violente come
quelle realizzate, per esempio,dalla Women’s Political and Social Union.





Dopo soli 4 anni e in successione alle sedi di Parigi e Berlino, miss
Smedley fondò il Lyceum Club di Firenze, scelta fra le città italiane
perchè, in quell’inizio ‘900, particolarmente colta e cosmopolita,
abitata da Vernon Le, Edith Warton, Bernard Berenson, Aldous Huxley,
Norman Douglas….


La presidenza viene proposta a Beatrice Pandolfini dei principi
Corsini, che in breve, in consonanza con quanto espresso dalla Smedley,
dette vita ad una Associazione attraverso la quale le donne in possesso
delle strutture di conoscenze e di comunicazione -per motivi di
appartenenza sociale-potessero metterle a disposizione della classe
emergente delle prime professioniste "in carriera", con lo scopo di
creare fra esse un’unica comunità: un cerchio, ancora oggi logo del
Lyceum, rappresentava la coesione fra le donne alla ricerca, attraverso
il lavoro,dell’indipendenza economica e dell’emancipazione.



Il Lyceum Club International è un’Istituzione che anche a Catania può
vantare una vera e propria "storia" Culturale e soprattutto Musicale.
Fin dalla sua fondazione, negli anni ’20 del secolo scorso, seguendo le
principali direttive proposte all’atto della fondazione e della sua
diffusione da Firenze in altre città d’Italia, il palco del Lyceum è
stato un punto di attrazione e di coinvolgimento della più colta
temperie Culturale della città etnea, mettendo insieme Stagioni
Culturali e Concertistiche davvero memorabili, senza, nel contempo, mai
trascurare le Arti Figurative con Mostre ed Esposizioni Personali e
Collettive; la Scienza e la Letteratura, con Conferenze, Letture e
Presentazioni di best sellers, tenuti da Illustri Ospiti; lo Spettacolo
e la Cultura in genere, con la presenza di altrettanto illustri
personaggi, come le grandi Giulietta Masina e Susanna Agnelli; ed un
partecipato risvolto di tipo benefico .



Ma è la Stagione Musicale il fiore all’occhiello del Lyceum di Catania.
I più grandi nomi della Musica Classica Internazionale si sono
avvicendati su quella prestigiosa ribalta: da Arturo Benedetti
Michelangeli a Michele Campanella, da Boris Petrushanskij ad Arturo
Bonucci, fino a giungere ai nostri giorni, in cui il Club ancora oggi,
sotto l’attuale, attiva e vigile Presidenza della Gent.le Sig.ra Lina
Costa, coadiuvata da un qualificato Comitato Direttivo, spicca per la
qualità dei Cartelloni e la competenza e passione delle Socie e degli
Ospiti che, con giusta parsimonia numerica, vengono invitati a ciascuna
Manifestazione; il che rende la ribalta del Lyceum di Catania una
vetrina d’importanza non solo cittadina, ma regionale ed oltre, nonché
un esclusivo punto di ritrovo per intenditori ed appassionati.



L’Opera non è mancata di apparire, negli anni, sul palcoscenico del
Lyceum ed anche quest’anno non poteva mancare nell’ambito della
Stagione Concertistica del Lyceum Club di Catania un Concerto d’Arie
d’Opera. Infatti, per quest’anno il grande spettacolo teatrale sarà
rappresentato da un Concerto esclusivamente composto di Musica
Operistica. Alla ribalta andrà chi scrive: un vero evento, per chi
abbia frequentato per moltissimi anni il Lyceum solo come semplice
Socia spettatrice ai Concerti ed alle Manifestazioni Culturali; nonché
come Grafico e Pittrice, alle Esposizioni organizzate dal Club, sia
Personali, che collettive.



Il Soprano Natalia Di Bartolo



Con accanto l’amico ed ottimo Pianista accompagnatore M°. Stefano
Sanfilippo, colei che scrive queste righe (purtroppo dimessasi dal Club
da diversi anni, per non essere più residente a Catania) si appresta a
partecipare come Musicista, il cui Concerto sia inserito nel cartellone
2009-2010 del Lyceum, all’attività odierna del Club. Il Concerto è
fissato per sabato 19 dicembre 2009 nel Salone-Auditorium dell’Hotel
Katane in via Finocchiaro Aprile 110, a Catania, alle h. 17,30. Il
programma sarà tutto dedicato all’Opera italiana, francese e tedesca,
con autori come Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini, Gounod, Meyerbeer e
l’immancabile, adorato Mozart, con la sua Koenigin der Nacht (Regina
della notte), da Die Zauberflote (il Flauto magico).



Un onore ed un piacere, poiché la sottoscritta mai avrebbe immaginato,
quando, ragazzina, chiedeva l’autografo al grande pianista Boris
Petrushanskij, che sarebbe giunto il momento per lei di esibirsi sullo
storico palco del Lyceum, che per tanti anni l’aveva fatta sognare ed
aveva incrementato in lei l’amore e la conoscenza della Musica
Classica.



Ma, evidentemente, la Vita è fatta anche di splendide emozioni come questa.



Natalia Di Bartolo



Si ringrazia la Gent. Sig.ra Maria Grazia Beverini del Santo, della Sede di Firenze, per la Storia della Fondazione del Club:


http://www.lyceumclubfirenze.net/storia.htm




Inserita il 14 – 12 – 09

Fonte: Natalia Di Bartolo

Leggi altri articoli di Natalia Di Bartolo

NATALIA DI BARTOLO in CONCERTO, ospite dello storico “LYCEUM CLUB” a CATANIA


Sabato 19 dicembre 2009, nella sede musicale del Lyceum Club International di Catania (il Salone Auditorium dell’Hotel Katane, via Finocchiaro Aprile 110), alle h. 17,30, il
Soprano catanese Natalia Di Bartolo (nella foto), accompagnata al pianoforte dal M°.
Stefano Sanfilippo, si esibirà in Concerto per le Gentili Socie del
Club e per gli illustri Ospiti.



Natalia Di Bartolo è stata, fino
a qualche anno fa, socia effettiva del Lyceum Club di Catania, insieme
alla Madre, dott.ssa Paola Vacirca Di Bartolo. Poi, vicissitudini della
vita di entrambe le hanno allontanate dalla storica Istituzione. La
nonna paterna di Natalia Di Bartolo, Natalina Di Stefano Di Bartolo è
stata tra le Socie Fondatrici del Lyceum a Catania.

Appassionata
da sempre di Musica Classica, la dott.ssa Natalia Di Bartolo è stata,
dall’età di 18 anni, quale Socia effettiva, assidua frequentatrice
delle Stagioni Concertistiche del Lyceum, che hanno visto avvicendarsi
sul palco, per i decenni in cui il Soprano ha frequentato il Club, i
nomi più illustri del panorama Musicale internazionale. T
ale tradizione a così alto livello continua ancora oggi..

Allora
la Cantante studiava Lettere all’Università e si laureava, con una Tesi
sull’illustre Antenato, l’Incisore Francesco Di Bartolo (1823-1913) e,
contemporaneamente, si dedicava alla Grafica ed alla Pittura, allora
sotto la guida di Nino Mustica, partecipando con una Personale, nel
1978, e con svariate Collettive, attivamente alla vita artistica del
Club.


Conclusi gli Studi Letterari, l’Artista ha continuato a
dipingere ed ha esposto nuovamente al Lyceum nel 2001, questa volta non
più da Socia, ma da Ospite invitata dall’Associazione, in un’ampia
Mostra Personale Antologica, dal titolo "Itinerario d’Artista".


Nello
stesso tempo, si dedicava finalmente allo studio dell’adorata Musica,
scoprendo doti canore di rara finezza e sensibilità e studiando Canto
Lirico fino a giungere al professionismo (v. Curriculum di seguito).


Adesso,
quindi, Natalia Di Bartolo è nuovamente Ospite della Sede di Catania
del Club, invitata dal Lyceum per un Concerto, che rappresenta per lei
moltissimo anche dal punto di vista affettivo: non avrebbe mai
immaginato, quando, ragazzina, chiedeva l’autografo al grande pianista
Boris Petrushanskij, che sarebbe giunto il momento per lei di esibirsi
sullo storico palco del Lyceum, che per tanti anni l’aveva fatta
sognare ed aveva incrementato in lei l’amore e la conoscenza della
Musica Classica.


PROGRAMMA:
(Soprano lirico-leggero capace di coloratura)

G. Donizetti: Quel guardo il cavaliere…so anch’io la virtù magica" da Don Pasquale

V. Bellini: "Oh, quante volte, oh! quante" da I Capuleti e i Montecchi

C. Gounod: "Je veux vivre", Valse de Juliette da Roméo et Juliette

W.A. Mozart: "O zittre nicht" (Koenigin der nacht- Regina della Notte) da Die Zauberflote (Il flauto magico)

———-

G. Verdi: "Caro nome" da Rigoletto

G. Meyerbeer: "Robert, toi que j’aime" da Robert le diable

G. Verdi: "Addio del passato" da La Traviata

G. Puccini: "Tu che di gel sei cinta" da Turandot



CURRICULUM

NATALIA
DI BARTOLO, Soprano Lirico-Leggero, capace di Coloratura, nata a
Catania, vive da qualche anno a Realmonte (AG). Affiancando al canto
gli studi di pianoforte con i maestri Salvatore Margarone e Paul Badura
Skoda, ha conseguito il Diploma Universitario di Alto Perfezionamento
in Canto e Orchestra, a Catania, con Giuseppina Sofia, sotto
l’autorevole bacchetta di Tomasz Bugaj. Si è poi perfezionata in canto
lirico con Elio Battaglia. Ha vinto il III premio nella Sezione canto
al Concorso Musicale Internazionale "La Vallonea" di Tricase (LE), nel
2000, ed ha studiato in Francia nei Master dell’Opéra Francaise. A
Parigi si è perfezionata con Claudie Martinet, già Professeur des roles
lyrique al Conservatoire National de Paris e Chef de Chant al teatro
dell’Opéra de Paris ed a Nizza con Catherine Decaen, titolare della
Cattedra di Canto Lirico nel Conservatoire National de Régione de Nice
e di St. Jean de Luz, accompagnata al pianoforte da Catherine
Gamberoni, Chef de Chant del teatro de l’Opéra de Nice e dell’Opéra
Bastille de Paris. A coronamento di questi studi si è esibita in due
Concerti a Parigi, nella Salle ‘8BN’: nel 2001, accompagnata da
Marie-Christine Goueffon, “Chef” de Chant All’Opéra Studio dell’"Opera
de Paris Bastille"; e nel 2004, accompagnata al pianoforte dalla grande
Claudie Martinet.

Voce rotonda e di colore bruno, ma nello stesso
tempo agilissima e squillante, dotata di notevole estensione sia nei
gravi che nei sovracuti, spazia volentieri, quindi, nel virtuosistico
repertorio mozartiano ed in quello del Melodramma italiano, nutrendo
inoltre una particolare predilezione per il repertorio operistico
francese (Gounod, Meyerbeer e Delibes, soprattutto), ove sia adatto al
proprio registro vocale e ad un temperamento nettamente portato
all’interpretazione di ruoli drammatici. Non trascura, però, il
repertorio di Musica Sacra, prediligendo le agilità mozartiane, ma
avendo in repertorio anche autori come Haendel, Gounod e Mercadante.
L’attività da Soprano dell’Artista è sempre assai ricca d’impegni e
prestigiosi appuntamenti, sia in Italia che all’estero.Dal 2006, quale
musicologa ed esperta di vocalità, spesso viene chiamata a far parte di
Giurie di Concorsi Musicali, fra cui la prestigiosa Rassegna-Concorso
Nazionale "Euterpe-Mediterraneo in musica" per gli alunni delle scuole
medie ad indirizzo musicale, che si svolge ogni anno al Palacongressi
di Agrigento.


Alla sua ricca carriera musicale affianca una
florida produzione letteraria. Si è laureata in Lettere e Filosofia
all’Università degli Studi di Catania, con una Tesi sul suo antenato
Francesco Di Bartolo (1826-1913), uno dei più illustri incisori
dell”800 europeo. Questo le consente di seguire la carriera di storica
dell’arte, pubblicando numerosi saggi e partecipando in qualità di
relatrice a diverse conferenze sull’arte e sulla musica classica.
Collabora con la testata web Teatro.Org come curatrice della rubrica
"D’Opera in Opera" ed è Redattrice per la Sicilia della sezione Opera.
Scrive testi in Italiano e Latino, soprattutto per la Musica Sacra, su
http://www.musica-sacra.it, in particolare in collaborazione con il
Compositore sardo M°. Mariano Garau, ed ha creato e gestisce siti web
d’argomento artistico e musicale. Ha studiato Incisione e Pittura con
Nino Mustica, e si è poi diplomata in ‘Calcografia Classica’ alla
Scuola Internazionale di Grafica di Venezia. Ha esposto ed espone i
propri lavori di Grafica, Pittura e Collage, fin da giovanissima, in
Mostre Personali e Collettive, in Italia ed all’Este
ro.

Il CORO DI IGLESIAS alla 40^ Ed. del PREMIO IGLESIAS di Giornalismo e Saggistica

Avrà luogo ad Iglesias, il 19 dicembre 2009, sotto il Patrocinio della
Regione Autonoma Sardegna, la Premiazione della 40^ Edizione del Premio
Iglesias di Giornalismo e Saggistica, organizzato dall’Associazione
Culturale Lao Silesu.

La Cerimonia di Premiazione si svolgerà nell’elegante cornice della Sala Lepori, alle h. 17:00.

Alla presenza delle autorità locali e regionali, verranno proclamati ufficialmente i vincitori del Premio Iglesias.
Nel corso della stessa cerimonia verranno consegnati:
• Il minatore d’Argento
• Targhe di onorificenza.

La serata vedrà come filo conduttore musicale la partecipazione in
Concerto del "Coro di Iglesias, diretto dal M.° Mariano Garau.

Di recente costituzione (Anno 2006) il coro è stato fondato da un
gruppo di amici fortemente appassionati di Canto Corale. I componenti,
tutti dilettanti, hanno iniziato un percorso di studio che è stato ed è
principalmente indirizzato all’esecuzione di canti in lingua sarda
popolari e inediti composti dallo stesso direttore, M.° Mariano Garau.
La Formazione Corale ha partecipato ad importanti incontri culturali
organizzati dal Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna;
ha collaborato con il Gruppo Folkloristico di Iglesias e partecipato a
Rassegne di Musica Corale in diverse località dell’isola.
Dopo un anno di intensa attività ha inciso il primo CD “Boxis e Boghes in Armonia”.
Nel 2008 in collaborazione con l’Ente Concerti Città di Iglesias ha
tenuto un Concerto con i Tenores di Orgosolo. Nel 2009 ha rappresentato
la Sardegna al 3° Festival Corale Internazionale di Canto Popolare e
Folclorico esibendosi nelle città di Ariccia, Castel Gandolfo, Nemi e
Genzano.
Nel 2009 ha partecipato alla prestigiosa Rassegna Internazionale
Concordia Vocis. Il 29 Novembre ha eseguito, insieme ad altre
prestigiose formazioni Corali, la Missa Katharina del celebre
compositore olandese Jacob de Haan, al Teatro Alfieri di Cagliari, alla
presenza dello stesso de Haan. Per i concerti di "Villa di Chiesa
Classica 2009" si esibisce in “Suoni e Anime di Sardegna”.
Il Coro di Iglesias, è associato alla FENIARCO (Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali).

Una serata da non perdere.

Segreteria organizzativa
Associazione Culturale Lao Silesu
Piazza Q. Sella 34 – 09016 Iglesias
Tel. e Fax 0781.41902

Inserita il 06 – 12 – 09
Fonte: Natalia Di Bartolo

Leggi altri articoli di Natalia Di Bartolo

Stampa la pagina!

JACOB DE HAAN a CAGLIARI: CONCERTO e Masterclass di Direzione di Banda

Avrà luogo a Cagliari, Domenica 29 Novembre 2009, alle Ore 18.30, al
Teatro Alfieri, l’atteso Concerto Bandistico-Corale, al quale
parteciperà, anche quale Direttore, il celebre M°. Compositore Jacob De
Haan (nella foto), del quale verranno eseguite una "Missa" ed altre
Composizioni, e che avrà tenuto il giorno precedente, 28 novembre, una
Masterclass di Direzione di Banda, ad Arbus, nella Sede della Banda
Musicale “E. Porrino” ed a Cagliari, nell’Auditorium del Conservatorio
St.le di Musica “G. P. da Palestrina”.




L’evento avrà luogo sotto il Patrocinio della Regione Autonoma
Sardegna, della Provincia del Medio Campidano, del Comune di Arbus,
della Scuola Civica di Musica del Comune di Cagliari, in collaborazione
con Banda Musicale.it e con il Conservatorio Statale di Musica
"Giovanni Pierluigi da Palestrina" di Cagliari.



Questo il nutrito programma del Concerto, che vedrà alternarsi
importanti formazioni Corali, accompagnate dalla Banda Musicale Ennio
Porrino” di Arbus, Direttore il M°. Giovanni Foddai e, nella seconda
parte, lo stesso M° De Haan.



– Prima Parte –


Jacob De Haan – MISSA KATHARINA


(per soprano, Coro e Banda)


– Preludium


– Kyrie


– Gloria


– Alleluia


– Credo


– Offertorium


– Sanctus


– Benedictus


– Agnus Dei


– Amen


– Postludium


Soprano Alice Madeddu


Coro Polifonico ”San Sebastiano Martire”


di Arbus, Dir. Anna Maria Dessì


Coro Polifonico ”Città di Sanluri”, Dir. Antonio Pittau


Coro di Iglesias, Dir. Mariano Garau


Coro Polifonico “G. B. Martini” di Pirri, Dir. Roberto Pischedda


BANDA MUSICALE “Ennio Porrino” di Arbus


Direttore GIOVANNI FODDAI



– Seconda Parte –


Giovanni Foddai – CELEBRATION SUITE


Giovanni Foddai – PANTA REI


Jacob De Haan – OREGON


Jacob De Haan – ROSS ROY


Jacob De Haan – VIRGINIA


BANDA MUSICALE “Ennio Porrino” di Arbus


Direttori


JACOB DE HAAN e GIOVANNI FODDAI



JACOB DE HAAN appartiene alla nuova generazione di compositori


provenienti dall’aerea dei Paesi Bassi che sta puntando costantemente alla


valorizzazione dell’orchestra di fiati, arrivando a produrre musica di alta


qualità. Nato nel 1959 ad Heerenveen nei Paesi Bassi, De Haan è autore di


apprezzate composizioni per orchestra di fiati eseguite in tutto il mondo.


Collabora da anni con le edizioni De Haske, che curano la pubblicazione di


numerose opere e arrangiamenti per diverse formazioni strumentali. Il


musicista e’ cresciuto in un ambiente dove la musica ha sempre rivestito un


ruolo di primo piano, grazie alle lezioni di pianoforte, ha cominciato a sviluppare


già dalla più tenera età la propria creatività musicale, divenendo presto


compositore. Dopo la scuola dell’obbligo, De Haan ha completato gli studi al


Conservatorio Municipale di Leeuwarden, dove si è diplomato in insegnamento


e organo, ha poi scelto di diplomarsi in tromba e direzione di banda


quali specializzazioni secondarie. E’ rimasto legato al Conservatorio di Leeuwarden


in veste di insegnante di arrangiamento. Tra i suoi brani più importanti


ed eseguiti vi sono senza dubbio quelli ispirati alla musica da film, non


è quindi un caso che il suo più grande successo internazionale sia "Oregon",


brano che richiama tale genere. La sua vasta produzione comprende brani


da concerto di diverso grado di difficoltà, spaziando dalla musica concertante


a quella leggera, senza disdegnare l’arrangiamento di corali e di brani


classici. Jacob de Haan è frequentemente invitato come membro di giuria di


concorsi internazionali, come direttore ospite di concerti a lui dedicati e


come docente di masterclass in numerosi conservatori e associazioni musicali.


La sua notorietà l’ha portato ad esibirsi in Europa, in Asia, in Australia


e negli Stati Uniti d’America, dove ha diretto in modo particolare la Western


International Band Clinic di Seattle. Da molti anni la Banda Musicale “E.


Porrino” di Arbus, ha inserito tra i brani del suo repertorio le composizioni


di Jacob de Haan, ritenendolo uno dei migliori esponenti della composizione


originale per Banda. La musica di De Haan, particolarmente apprezzata degli


esecutori e dagli ascoltatori, ha in qualche modo arricchito e rinnovato i


repertori bandistici, i suoi brani sono infatti carichi d’innovazione e al


tempo stesso facilmente fruibili, ed è proprio l’ascoltatore il privilegiato,


colui che può “viaggiare” tra le note e immergersi nelle atmosfere suggestive


magistralmente create dal compositore olandese.



Un evento musicale di originale concezione e realizzazione, da non perdere.



Inserita il 27 – 11 – 09

Fonte: Natalia Di Bartolo